Il 2019 è stato un anno decisamente positivo per la fiction italiana. Gli spettatori hanno potuto assistere a prodotti di qualità come ‘La strada di casa 2', ‘La porta rossa 2' e ‘I Medici – Nel nome della famiglia'. Spazio anche a personaggi chiave della cultura e della politica italiana con fiction come ‘I ragazzi dello Zecchino d'Oro', che ha reso omaggio a Mariele Ventre, ‘Storia di Nilde' con Anna Foglietta dedicata alla prima donna Presidente della Camera, fino a ‘Enrico Piaggio – Un sogno italiano' con Alessio Boni. Difficile selezionare le fiction da non perdere. Un elenco rischia di apparire irrimediabilmente incompleto. Tuttavia, abbiamo isolato le cinque serie tv che, chi ama le belle storie e la narrazione made in Italy, dovrebbe assolutamente vedere.

Il commissario Montalbano

A febbraio, Rai1 ha lasciato spazio alla tredicesima stagione de ‘Il Commissario Montalbano' con Luca Zingaretti. In particolare ha proposto gli episodi intitolati: ‘L'altro capo del filo‘ e ‘Un diario del '43‘. Il personaggio nato dalla penna di Andrea Camilleri è riuscito per l'ennesima volta, a trasportare gli spettatori in atmosfere intriganti e pittoresche. La fiction è stata premiata con il consueto record di ascolti. Basti pensare che il primo episodio ha superato gli 11 milioni di telespettatori, mentre il secondo ne ha raccolti 10 milioni. Un fenomeno televisivo irripetibile, se non dallo stesso Salvo Montalbano.

Imma Tataranni – Sostituto procuratore

Il 2019 è stato anche l'anno di un'eroina letteraria squisitamente imperfetta. Stiamo parlando di Imma Tataranni interpretata da Vanessa Scalera. La serie televisiva nata dai romanzi di Mariolina Venezia è stata accolta con grande entusiasmo dagli spettatori, rapiti da questa donna forte, pronta a tutto perché l'ultima parola spetti alla giustizia, ruvida ma anche capace di momenti di inaspettata dolcezza. Vanessa Scalera, intervistata da Fanpage.it, ha spiegato le caratteristiche che hanno permesso a Imma Tataranni di entrare nel cuore del pubblico:

"La vera forza di Imma è essere una donna stropicciata. Si mostra per quello che è, come noi tutte. Gli stereotipi femminili che ci propongono in tv, sono quasi sempre gli stessi: donne belle, appetibili sessualmente, che si svegliano al mattino truccate e pettinate miracolosamente, non si sa come. Imma è una di noi, è una donna storta, imperfetta come tutti gli esseri umani".

Rosy Abate 2

Tra le migliori serie del 2019, impossibile non menzionare Rosy Abate 2. La storia della "Regina di Palermo" è giunta all'epilogo e gli spettatori hanno avuto il loro lieto fine: la protagonista si è salvata e ha deciso di lasciarsi alle spalle il passato da malavitosa. La sua priorità è diventata il figlio Leonardo Abate (interpretato da Vittorio Magazzù, qui l'intervista rilasciata a Fanpage.it), che è riuscito a entrare in polizia. Gli ultimi episodi, carichi di colpi di scena e momenti straordinariamente intensi, hanno segnato l'addio di Giulia Michelini a quel ruolo interpretato per oltre 10 anni. Intanto, TaoDue ha annunciato l'arrivo di un prequel intitolato ‘Rosy Abate – Le origini del male‘, che racconterà l'infanzia del personaggio.

L'amore strappato

Una fiction che ha ottenuto grande successo è ‘L'amore strappato' diretta da Simona Izzo e Ricky Tognazzi e interpretata da Sabrina Ferilli ed Enzo Decaro. La miniserie in tre puntate ha acceso i riflettori sulla drammatica storia di Angela Lucanto. A 7 anni fu strappata alla sua famiglia e rinchiusa in un istituto dopo che suo padre era stato accusato ingiustamente di aver abusato di lei. La serie racconta i 10 anni di soprusi e bugie che Angela ha dovuto subire e la tenace battaglia dei genitori per riportarla a casa. Intervistato da Fanpage.it, Ricky Tognazzi ha dichiarato:

"Angela sta bene, oggi è felice, ha appena avuto un bambino. I genitori sono ancora fortemente traumatizzati per quello che è successo, però spero che questa storia possa essere un riscatto per loro. Non abbiamo raccontato gli episodi più pesanti non per censura, ma per rendere la storia universale. Abbiamo tentato di non essere mai manichei. Odio le storie dove ci sono i buoni e i cattivi. Ne ‘L’amore strappato’ sono tutti delle vittime. Sono persone in buona fede, che vogliono fare il bene della bambina. Ho preferito arrivare a quella che chiamo l’essenza della verità. Sono rimasti i sentimenti, l’angoscia dei protagonisti, il disprezzo per il povero padre che ci ha messo anni a superare questo trauma".

Pezzi unici

Il 2019 televisivo si è concluso con una bella sorpresa. Rai1 ha regalato agli spettatori la fiction ‘Pezzi unici‘. La serie televisiva diretta da Cinzia TH Torrini con Sergio Castellitto narra la storia di Vanni, un maestro nell'intaglio del legno. Dopo la misteriosa morte del figlio Lorenzo, accantonata come un suicidio, l'uomo si metterà a indagare tra i giovani in difficoltà che Lorenzo era solito aiutare. L'ottima regia e l'originalità della trama, oltre alla magistrale interpretazione di Sergio Castellitto, ne fanno una serie da non perdere.