Salvo Veneziano è stato squalificato e invitato a lasciare la casa del ‘Grande Fratello Vip 2020‘ per le frasi sessiste pronunciate all'indirizzo di Elisa De Panicis. In queste ore, ha pubblicato un post ammettendo di stare attraversando un momento difficile e ringraziando la moglie e i fan per la vicinanza. Poi, ha aggiunto anche una frase sibillina. Ecco quali sono state le sue parole.

Salvo Veneziano ringrazia la moglie Giusy Merendino

Salvo Veneziano ha pubblicato una foto che ritrae la moglie Giusy Merendino. La donna si è esposta pubblicamente per difenderlo. Nonostante non condivida le frasi da lui pronunciate, ha precisato in diretta a Pomeriggio Cinque, che è certa che Veneziano non le abbia dette con l'intento di offendere:

"Non condivido assolutamente né la forma né il contenuto delle affermazioni di mio marito durante la conversazione, però vorrei puntualizzare chi è mio marito, non è la persona che viene descritta in questo momento. Lui è amico delle donne e io chiedo scusa a nome suo, se le sue affermazioni hanno urtato la sensibilità, come è giusto che sia. Secondo me le sue intenzioni sono state male interpretate, conoscendolo ha estremizzato un concetto attraverso delle metafore. Lui ha parlato per metafore, un apprezzamento legato ad una passione. Ha comunque peccato di ingenuità, lui ha fatto il Grande Fratello 20 anni fa, era un'altra cosa".

Salvo Veneziano ha ringraziato la moglie: "Ringrazio mia moglie per avermi sostenuto in un momento così difficile. Ringrazio anche voi che mi date tanto conforto". Poi ha aggiunto: "Una cosa voglio dirla e poi più avanti capirete il motivo di questa frase. Sono e sarò l'agnello sacrificale. Salvo Veneziano".

I provvedimenti del GF Vip dopo le frasi sessiste

Dopo le frasi sessiste pronunciate da Salvo Veneziano, il Grande Fratello Vip ha preso dei provvedimenti. Come già precisato, il gieffino è stato squalificato. La produzione ha voluto agire anche nei confronti di Patrick Ray Pugliese, Pasquale Laricchia e Sergio Volpini che hanno riso alle battute di Salvo. I tre gieffini e Veneziano sono stati invitati a recarsi in un centro antiviolenza per conoscere le storie di donne perseguitate e picchiate.