Se dovessimo stilare una graduatoria dei personaggi femminili televisivi che hanno primeggiato negli ultimi anni, Mara Venier sarebbe senza ombra di dubbio in cima alla lista. La conduttrice è tornata a presentare Domenica In dopo anni di esilio e ormai, giunta alla terza stagione consecutiva del programma, la presentatrice ha certamente ritrovato nello storico format domenicale di Rai1 il suo elisir di giovinezza professionale.

Venier, che quasi per certo sarà alla guida del programma anche l'anno prossimo, ha plasmato Domenica In interamente su di sé, legando così tanto il programma al suo nome che chiunque dovrà prenderlo in gestione dopo affronterà lo scoglio enorme di doverlo separare da zia Mara.

A riprova di questa dinamica c'è il caso recente del problema medico in cui "zia Mara" è incappata, un'operazione ai denti sbagliata che l'ha costretta a un intervento riparatorio. Disagio che ha scelto di condividere con il pubblico, senza filtri, in diretta a Domenica In, con tanto di nome del dentista annunciato davanti a milioni di italiani, prima di promettere azioni legali nei suoi confronti via social.

Infortunio diverso, ma stessa dinamica per quanto era accaduto a giugno del 2020, quando la conduttrice si era trovata costretta ad andare in onda con una gamba ingessata a causa di una caduta. Anche in quel caso l'osmosi tra le sue vicende personali e il piano professionale fu totale, in nome di una pandemia che imponeva alla conduttrice di andare in onda nonostante tutto, per il pubblico.

Si vede anche in questo la stoffa della grande donna di spettacolo, arrivata a consacrare la carriera in modo definitivo lavorando soprattutto su questa capacità di portare tutta se stessa in Tv, esorcizzando le sciagure per trasformarle in oro, riconducendo costantemente la narrazione del programma a un racconto di sé, della conduttrice che presta il volto a Domenica In e che quindi è Domenica In stessa.