Lunedì 4 febbraio la fiction ‘La compagnia del cigno‘, ideata e diretta da Ivan Cotroneo, saluta il pubblico di Rai1. Gli spettatori hanno amato profondamente le vicende di Luca Marioni (interpretato dall'attore Alessio Boni) e dei giovani talenti del conservatorio. Ci sarà la seconda stagione? Nel momento in cui scriviamo non ci sono conferme ufficiali. Tuttavia, alcuni elementi sembrano giocare a favore dell'arrivo in tv di nuovi episodi.

Le dichiarazioni di Leonardo Mazzarotto

Fanpage.it ha intervistato Leonardo Mazzarotto, l'attore che nella fiction ‘La compagnia del cigno' interpreta Matteo. Il violinista romano ha ammesso che gli attori accoglierebbero con entusiasmo l'idea di nuovi episodi. Sperano che la seconda stagione possa concretizzarsi. Tuttavia al momento non sarebbe ancora stata presa una decisione in proposito: "Se ci sarà una seconda stagione? In questo momento non so ancora rispondere, ma ci speriamo un po' tutti. A me piacerebbe molto, però non siamo ancora a conoscenza di dettagli specifici". La volontà del cast di ripetere l'esperienza di certo rende più concreta l'ipotesi della seconda stagione.

Lo straordinario successo negli ascolti

‘La compagnia del cigno' ha ottenuto enorme riscontro tra gli spettatori. Vediamo i dati di ascolto registrati nelle prime cinque puntate. La prima puntata in onda il 7 gennaio è stata seguita da 5.840.000 spettatori pari al 24% di share. La seconda puntata in onda l'8 gennaio ha registrato 5.383.000 spettatori pari al 22% di share. La terza puntata in onda il 14 gennaio ha conquistato 5.584.000 spettatori pari al 24.5% di share. La quarta puntata trasmessa il 21 gennaio ha interessato 5.219.000 spettatori pari al 21.4% di share. La quinta puntata trasmessa il 28 gennaio ha conquistato 5.460.000 spettatori pari al 23.3% di share. Insomma, la serie televisiva con Alessio Boni e Anna Valle non ha mai vacillato e ha battuto costantemente la concorrenza. Considerando la grande attesa degli spettatori per il gran finale è difficile credere che l'ultima puntata non riscontri il successo delle altre cinque. I dati registrati non sono trascurabili e di certo rappresentano un elemento a favore in più nella possibile produzione di nuove avventure per i protagonisti. Ora non resta che attendere che la Rai comunichi la sua decisione a riguardo.