Dopo quanto accaduto con gli spot a volume altissimo di Rock Economy e Adrian (addirittura più alto di 10 decibel rispetto agli altri), Mediaset parte con il piede giusto. I promo di Adriano, lo show evento che riporterà Celentano su Canale5, dimostrano che la rete ha intenzione di mettere lo spettatore e i suoi gusti al centro del progetto. Registrato il flop di qualche mese fa, quando il cartoon concepito dal Clan Celentano deluse le aspettative di gradimento previste, la rete sembrerebbe non volere indulgere in alcun errore.

Gli spot di Adriano in onda dal 14 ottobre

Nasce da questa presa di coscienza, probabilmente, la necessità di invertire la tendenza spiacevole abbinata agli spot dei progetti legati a Celentano. Quei promo trasmessi a volume altissimo cui era idealmente affidato il compito di catturare senza possibilità di distrazione l’attenzione dello spettatore sono spariti. Il promo di Adriano va in onda con un volume regolare, perfettamente in linea con gli altri promo trasmessi prima e dopo. Un segnale che dimostra la volontà di registrare le richieste già espresse a gran voce dal pubblico a casa attraverso i social. Quella fastidiosa sensazione che il volume del televisore si alzasse improvvisamente “da solo” è sparita: resta il piacere di guardare Adriano Celentano, personaggio in grado di convertire l’attenzione senza alcun artificio.

Lo show con Celentano precederà il cartoon

Mediaset dimostra la volontà di porre al centro lo spettatore anche nella formulazione di Adriano. A differenza di quanto accaduto con Adrian, Celentano sarà il grande protagonista dello show. Non si limiterà a fugaci apparizioni mute sul palco come accaduto in precedenza. Sarà l’anima stessa del progetto, il trascinatore intorno al quale si dipanerà lo spettacolo evento che precederà la messa in onda del cartoon. L’attesa cresce giorno dopo giorno e le notizie certe sono ancora poche e frammentate. L’unica certezza è data dalla presenza del Molleggiato, richiamo che basta da solo ad assicurare alla rete il traino necessario a surclassare il ricordo dei precedenti dati di ascolto.