Naya Rivera è stata sepolta venerdì 24 luglio presso il Forest Lawn Memorial Park di Los Angeles. Lo comunica il magazine People, che ha avuto modo di leggere il certificato di morte della star di Glee. L'attrice è morta a 33 anni, dopo essere annegata nel lago Piru, dove si era recata per fare una gita con il figlio Josey.

Il certificato di morte di Naya Rivera

Il magazine People ha diffuso alcuni dettagli riportati nel certificato di morte di Naya Rivera. Oltre al giorno e al luogo in cui è avvenuta la sepoltura, il documento conferma le cause della morte che sono emerse a seguito dell'autopsia. Naya Rivera è morta per annegamento. Nel certificato viene anche specificato che il decesso è avvenuto "in pochi minuti". Infine, viene chiarito che "non sono risultate altre condizioni significative che possono avere contribuito alla morte".

Il ritrovamento del corpo della star di Glee

La scomparsa di Naya Rivera è avvenuta giovedì 9 luglio. Quel giorno l'attrice si era recata insieme al piccolo Josey, il figlio di 4 anni, presso il lago Piru. Aveva noleggiato una barca. Naya e Josey erano saliti a bordo per godersi quella giornata insieme. Tre ore più tardi, scaduto il tempo durante il quale poteva usufruire della barca, alcuni membri dello staff sono andati a cercarla. Così, hanno ritrovato la barca. A bordo c'era solo il piccolo Josey, addormentato e con il giubbotto di salvataggio addosso. Sono cominciate subito le ricerche di Naya Rivera. Il 13 luglio è stato ritrovato il corpo. Nel corso della conferenza stampa tenuta dallo Sceriffo della Contea di Ventura è stato spiegato:

"Sul corpo non ci sono segni che lascino pensare a un suicidio o a un omicidio. Naya Rivera si è tuffata, poi ha raccolto le energie per riportare suo figlio sulla barca, ma non abbastanza per salvarsi. Il figlio di Naya Rivera ha raccontato che sua mamma lo ha aiutato a risalire a bordo della barca. Poi, però, si è voltato indietro e l’ha vista scomparire sott’acqua”.