Dopo più di cinque anni vissuti sul palco di Tale e Quale Show, Gabriele Cirilli è tornato a prendere parte al programma in qualità di giurato nella puntata del 2 novembre 2018. Il comico ha affiancato Loretta Goggi, Vincenzo Salemme e Giorgio Panariello, rimettendo piede per la prima volta in quello studio che è stato la sua casa per molti anni e che quest'anno ha scelto di lasciare affinché la sua carriera potesse beneficiarne.

Cirilli ha spiegato sostanzialmente in questo modo il suo addio al varietà del venerdì sera di Rai1, rispondendo alle domande di un'intervista al settimanale Vero: "Non avrei potuto offrire nulla di nuovo al mio pubblico”. Queste le parole oneste di Cirilli, che ha anche aggiunto: “Per rispetto nei confronti delle tante persone che mi hanno sempre seguito ho capito che era il caso di fermarsi”.

Gabriele Cirilli era diventato una colonna imprescindibile del programma condotto da Carlo Conti. Prima in qualità di concorrente, facendosi notare in particolare per la riuscita imitazione del cantante sud coreano PSY in "Gangnam Style" e poi prendendo parte alle successive edizioni come presenza fissa settimanale, proponendo le imitazioni più disparate. Al conduttore della trasmissione Cirilli ha voluto dedicare un pensiero speciale e un ringraziamento: "Mi è costantemente vicino. È un grandissimo professionista che cura con attenzione ogni dettaglio delle sue trasmissioni”. Ad annunciare il suo addio al programma era stato proprio Conti, nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma:

Ha rinunciato ad un programma che gli ha dato tanto, ha fatto 60 imitazioni diversi. Aveva bisogno lui per primo di fermarsi; è stata una grande prova di maturità. Magari ci verrà a trovare in una puntata

Intanto Tale e Quale Show prosegue con l'edizione 2018 ed il successo della trasmissione, in termini di pubblico raggiunto, non dà alcun accenno di cedimento, nonostante la possibile usura di un programma che va in onda da diversi anni, in una formula che potrebbe rischiare di risultare ripetitiva.