Tra le polemiche che stanno caratterizzando il Festival di Sanremo 2020, c'è quella che ha visto protagonisti Tiziano Ferro e Fiorello. Tutto ha avuto inizio dalla lunghissima diretta della seconda serata. I tempi si sono dilungati clamorosamente, portando alla chiusura all'01:43. Quando Tiziano Ferro è salito sul palco per esibirsi, ha ironizzato attribuendo il ritardo all'abitudine di Fiorello di improvvisare e dilungarsi. Così, il cantante ha lanciato l'hashtag: Fiorello statte zitto, che sembra non aver fatto particolarmente piacere allo showman.

Festival di Sanremo, tra Fiorello e Tiziano Ferro nessuna polemica

Nel corso della conferenza stampa tenutasi venerdì 7 febbraio, Amadeus ha tentato di spegnere il caso Fiorello – Tiziano Ferro. Ha assicurato che tra i due non ci sarebbe alcuna tensione: "Non c'è nessuna polemica tra loro. Ho solo detto che è stata una battuta infelice quella di Tiziano. Questo Festival ha un grande senso di famiglia. C'è un clima bellissimo e mai scalfito. Ieri Fiorello mi è mancato, mentre Tiziano da persona intelligente ha capito che qualcuno poteva aver capito male la sua battuta e quindi ha chiarito. Per cui è durata da Natale a Santo Stefano, anzi non è mai iniziata".

Fiorello avrebbe minacciato di lasciare Sanremo, le scuse di Ferro

Secondo un'indiscrezione diffusa da ‘Il Corriere della sera', Fiorello avrebbe minacciato di lasciare il Festival di Sanremo 2020, perché si sarebbe sentito criticato nonostante si stia prodigando per aiutare Amadeus ad offrire al pubblico uno spettacolo godibile. Intanto, nella serata di ieri sono arrivate le scuse pubbliche di Tiziano Ferro:

“Ciao Fiorello, ti chiedo scusa se ti ho provocato un dispiacere, sono lo stesso che a dicembre, nel tuo programma, si prendeva in giro cantando con te le parole di ‘Me lo compri papà’ su una mia canzone. E in quello spirito ho pensato fosse normale scherzare con te che sei il re dei comici. Sono rammaricato. Torno a fare il cantante”.