L'intervista di Harry e Meghan nello speciale di Oprah Winfrey ha fatto letteralmente il giro del mondo. Oltre ai contenuti scottanti, a far discutere è soprattutto la questione legata ai diritti. L'emittente americana CBS, fa sapere il Wall Street Journal, ha pagato una cifra tra i 7 e i 9 milioni di dollari per trasmettere l'intervista, che è stata venduta in altri 68 paesi. Nessun cachet per i duchi di Sussex tuttavia, ha precisato la portavoce. Ma circoscrivere la questione ad un compenso in denaro per le tasche di Harry e Meghan è limitante, considerando che gli ex membri della famiglia reale stanno costruendo un potente marchio attorno a sé che punta proprio sulla loro esposizione mediatica.

Harry e Meghan portano incassi stellari alle emittenti tv

In un periodo buio per lo spettacolo, in cui a livello globale la pandemia ha preso il sopravvento sull'offerta di contenuti, l'intervista ad Harry e Meghan ha scatenato una guerra da decine di milioni di dollari tra le emittenti tv di tutto il mondo, per averne i diritti. Nel Regno Unito ITV ha ottenuto l'esclusiva rispetto ad altre reti come Sky e Discovery, per 1 milione di sterline, come riporta il The Guardian. Puntando sull'unicità di un evento da non perdere, l'emittente avrebbe prezzato gli spazi pubblicitari durante lo speciale alla pari di quelli venduti durante i grandi show di successo come X Factor, più del doppio del prezzo in genere pagato per una ordinaria intervista in quella fascia di palinsesto.

L'esposizione mediatica dei duchi di Sussex

È chiaro dunque che un prodotto che promette grandi numeri fa gola al mercato televisivo internazionale. E nonostante lo strappo con la Corona per non aver rispettato il momento difficile per la salute del principe Filippo, commercialmente l'evento non poteva essere pianificato meglio. Il biografo della principessa Diana, Andrew Morton, lo ha definito "il colpo dell'anno".  Ecco infatti che a divorzio firmato con i reali Harry e Meghan, per giunta in attesa della seconda figlia, scelgono di vuotare il sacco nei confronti della Corona, con dichiarazioni che inevitabilmente solleveranno un polverone mediatico.

Gli accordi di Harry e Meghan con i colossi dello streaming

A ciò si aggiunge, se vogliamo, che il pubblico americano segue con molto coinvolgimento le vicende dei due ex reali inglesi, anche sulla scia del background della serie Netflix "The Crown". Senza dimenticare che lo scorso settembre Harry e Meghan hanno siglato un accordo pluriennale con Netflix, che riguarderà la produzione di docu-serie, lungo metraggi, reality show e programmi per bambini. Insomma, l'intervista ad Oprah Winfrey atterra sicuramente al momento giusto ed è da considerare nell'ambito di un progetto al quale i duchi di Sussex stanno lavorando da tempo. La coppia sembra muoversi nella direzione di una visibilità mediatica di forte impatto in America e nel mondo, sullo stampo degli Obama o dei Clinton. E nonostante il prezzo dell'accordo con Netflix sia rimasto top secret, secondo le indiscrezioni si tratterebbe di cifre milionarie.