Nella 17esima puntata del Grande Fratello Vip, in onda in prima serata lunedì 9 novembre, ad Alfonso Signorini tocca il compito di portare luce su un accadimento verificatosi nel fine settimana davanti agli occhi di migliaia di italiani che, come sempre, seguono la diretta del reality. Protagonista dell'increscioso accaduto è Paolo Brosio che, ancora una volta, non è riuscito a calibrare le sue parole e in una tranquilla conversazione ha azzardato un paragone a dir poco agghiacciante con il quale ironizzava sull'utilizzo che si faceva del gas nei campi di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale. In puntata non se ne è parlato, ma il pubblico non ha perdonato la frase e ha eliminato Paolo al televoto. Per il giornalista ha votato solo il 3% del pubblico.

Paolo Brosio non ricorda la frase su Auschwitz

Una volta arrivato in studio, Signorini ha chiesto a Brosio spiegazioni circa la frase pronunciata: "C’è stata una battuta che hai fatto e che non è piaciuta al pubblico. Hai paragonato una situazione ad Auschwitz e questa cosa non è piaciuta". Ma Brosio ha rimosso l'episodio in questione: "Non me lo ricordo. Io ricordo solo che ho vissuto l’isolamento in un ospedale che non è un ospedale normale. È una struttura anti-Covid. Io non riuscivo nemmeno a parlare con un infermiere. Chi vive questa esperienza, esce ed è fulminato". Antonella Elia, invece, lo ha punzecchiato circa il rapporto con la fidanzata Maria Laura De Vitis: "La tua immagine da religioso stride con la fidanzata che ha la metà dei tuoi anni", ma il giornalista non si è detto d'accordo: "È un’amicizia nata a fine agosto a Forte dei Marmi. È un’amica, una persona a cui voglio bene. Qua si parla di fidanzate. Le voglio bene e spero di vederla, ma che c’entra la differenza d’età? Cosa c’entra con la preghiera e la spiritualità?".

 

La frase pronunciata da Paolo Brosio

Il giornalista intento a chiacchierare con Elisabetta Gregoraci, ha pronunciato una frase che è stata immediatamente carpita da coloro che, proprio in quell'istante, si sono trovati a guardare la diretta. Brosio, infatti, dopo aver sentito un rumore ha spiegato alla showgirl cosa quel suono gli avesse ricordato e senza preoccuparsi delle possibili conseguenze e della gravità di un'esclamazione simile, sorridendo ha dichiarato: "Pensavo fosse gas, tipo quello della verità, che cominci a raccontare tutto… come facevano i tedeschi ad Auschwitz". Se la frase è agghiacciante, la risatina a conclusione di quello stralcio di conversazione lo è ancora di più.

Paolo Brosio era già stato richiamato da Signorini

Già Fausto Leali nelle prime settimane del reality aveva commesso un errore del genere, parlando di Mussolini. Ma lo stesso Paolo Brosio, solo la scorsa settimana, era stato ammonito da Signorini per aver utilizzato un intercalare che poteva essere considerato una bestemmia, e per aver spettacolarizzato la sua vicinanza alla fede pregando in maniera tutt'altro che intima e privata.