Foto di Fausto Leali per gentile concessione dell’ufficio stampa Endemol Shine Italy
in foto: Foto di Fausto Leali per gentile concessione dell’ufficio stampa Endemol Shine Italy

Fausto Leali è finito nell'occhio del ciclone a causa di alcune frasi pronunciate nella casa del Grande Fratello Vip 2020 relative a Benito Mussolini e Adolf Hitler. I fedelissimi del reality condotto da Alfonso Signorini seguono con molta attenzione la diretta in streaming e su Mediaset Extra. Così, hanno intercettato una frase del cantante, che ha sollevato un polverone.

Cosa ha detto Fausto Leali su Mussolini e Hitler

Fausto Leali si è integrato benissimo con gli altri concorrenti del Grande Fratello Vip 2020. Anche i gieffini più giovani amano trascorrere del tempo con lui e ascoltarlo mentre parla della sua musica e della lunga carriera. In queste ore, tuttavia, una frase pronunciata dall'artista ha fatto storcere il naso agli spettatori. Nel breve video che sta circolando sui social, Fausto Leali parla di Mussolini e afferma: "Ha fatto delle cose per l'umanità, le pensioni. È andato poi con Hitler. Nella storia, Hitler era un fan di Mussolini". In sottofondo si sentono anche le voci di gieffini non inquadrati che commentano: "È vero". Secondo quanto sostengono alcuni utenti, il preambolo sarebbe stato: “Se fai nove cose giuste e una sbagliata, la gente ti ricorderà solo per quella sbagliata, prendiamo in esempio Mussolini…”. Fausto Leali rischia la squalifica per le frasi pronunciate sul Duce? Al momento non si hanno notizie a riguardo.

Mussolini ha davvero dato le pensioni agli italiani?

Il giornalista Saverio Tommasi si è premurato di verificare e smontare una ad una tutte le bufale sul fascismo e le presunte buone opere che alcuni italiani attribuiscono erroneamente a Benito Mussolini. Tornando alla frase di Fausto Leali, il cantante elogia il Duce per aver dato le pensioni agli italiani. Ma le cose sono andate davvero così? Saverio Tommasi spiega: "Il primo sistema pensionistico è del 1895, cioè 27 anni prima della presa del potere del fascismo. C'era il governo Crispi e tutti gli italiani ebbero la pensione dal 1919, cioè tre anni prima della Marcia su Roma". Di seguito, il video che smonta tutte le bufale sul fascismo.