Non ci sarebbe alcuna speranza per un ritorno di fiamma tra Nathaly Caldonazzo e Andrea Ippoliti, dopo la loro clamorosa rottura nel falò di confronto a Temptation Island Vip. Stavolta non c'è bisogno di aspettare la fine del programma condotto da Alessia Marcuzzi. I due  ex fidanzati hanno già parlato a Uomini e Donne Magazine, scambiandosi peraltro accuse durissime.

Nathaly Caldonazzo non vuole più vedere Ippoliti

Facciamo prima un piccolo passo indietro. A Temptation Island Vip è stata la Caldonazzo a chiedere il falò, sconvolta per la vicinanza tra Ippoliti e la tentatrice Zoe Mallucci. Dopo la pesante lite, i due sono usciti separatamente, mettendo così fine a una relazione che durava da tre anni. Peraltro, sui social è intervenuta la ex moglie di Andrea, sostenendo di essere stata a suo tempo tradita da lui. Non sembra che Nathaly abbia alcuna intenzione di perdonarlo, dopo il manifesto interesse per la giovane Zoe:

Per me Andrea è morto, non voglio neanche incontrarlo per strada. Mi sento svuotata, ma pronta a rinascere. Ora sto metabolizzando un lutto. A quarantasei anni puoi aspettare che finisca il programma, una volta fuori puoi fare quello che vuoi, evitando magari ragazze così giovani

Andrea Ippoliti: Nathaly è distruttiva

Altrettanto categorico è Ippoliti, anche lui intervenuto su Uomini e Donne Magazine dopo la messa in onda dell'ultima puntata di Temptation Island Vip non ha affatto gradito il comportamento della ex compagna in trasmissione: "Mi aspettavo magari delle dimostrazioni da parte di Nathaly e un comportamento che a me potesse far piacere. Mi aspettavo che lei tenesse a distanza gli altri, parlasse bene del nostro rapporto, cercasse magari di risolvere un po’ di problemi che c’erano anche prima di venire, invece ho visto tutt’altro. Quello che ho visto è una Nathaly che parlava male di me, denigrava il nostro rapporto: ha detto che è stata contenta quando ci siamo lasciati per tre mesi, perché mi vedeva come uno stalker". Il commerciante romano non esita a definire la Caldonazzo come una donna "distruttiva", con cui non vuole più avere a che fare.

Adesso ho le idee molto più chiare. Sono sicuro che Nathaly non è la donna che fa per me. Abbiamo idee e valori troppo diversi e dubito di poter riuscire a trovare un punto di incontro che ci possa far stare tranquilli e sereni nel nostro rapporto. Troppe diversità ci hanno portato a incompatibilità che poi trascendono in liti furiose, e non è questo quello che voglio. Io a 46 anni voglio un rapporto che mi faccia stare meglio, mentre lei per me è stata distruttiva. Speravo di vedere qui una Nathaly diversa, ma ho trovato una Nathaly che mi ha sorpreso negativamente. Adesso però ho aperto gli occhi, sono sereno e consapevole, non ho rimpianti. Ho raggiunto la mia serenità e il mio equilibrio, cose che mo mancavano. Tra le cose che mi hanno dato fastidio spicca sicuramente questo odio sprezzante quando parla con estranei denigrando il nostro rapporto, parlando male di me, di quello che sono, di come mi sono comportato con lei. Dopo tre anni non si può sputare nel piatto dove si è mangiato; poteva parlare di incomprensioni da risolvere e invece ha messo in piazza delle cose che al 70% non corrispondono a verità o, meglio, sono verità falsate, perché è arrivata alla fine senza parlare dell’inizio.

Il rapporto con Zoe Mallucci

"Per me la storia era finita al terzo giorno", continua Ippoliti, che starebbe frequentando Zoe Mallucci deciso a conoscerla meglio. Nonostante la differenza d'età (lei ha appena 21 anni, quindi ben 25 ‬in meno di lui), Ippoliti ha trovato una certa affinità con la ragazza, con cui vuole approfondire il rapporto.

Inizialmente può essere scattata una sorta di ripicca, che però dopo si è trasformata in un’affinità di coppia con una ragazza profonda e con dei valori  che mi ha saputo prendere, mi ha fatto star bene e mi ha reso felice in quel momento non piacevole. Vedere la propria donna che parla male di te e si comporta in modo esagerato con gli altri sicuramente non è stata una cosa piacevole. Con Zoe ho vissuto dei momenti molto belli, mi ha fatto capire che si possono trovare e provare nuove emozioni. Ora fuori non so quello che sarà: può essere che quell’atmosfera anche un po’ decontestualizzata abbia portato il tutto all’eccesso, però mi ha fatto stare bene. Quando sono uscito per il falò l’ho vista piangere e mi ha emozionato: avevo voglia di stringerla e l’ho fatto, avevo voglia di baciarla, ma non l’ho fatto, però credo che avremo modo di approfondire fuori in privato. Ci tengo a precisare che sono sempre stato con donne più grandi di me: la mia ex moglie ha otto anni in più di me, Nathaly ne ha quattro in più, quindi con Zoe è stata la prima volta. A Nathaly, che durante il falò ha sottolineato l’età di Zoe, vorrei dire che in giro non chiedo la carta d’identità.