Non potrà mai esserci un scontro tra noi perché a questo livello non scenderò mai”: così Giampiero Mughini, prima ancora che Alba Parietti aprisse bocca, ha commentato lo scontro in divenire con la showgirl nello studio di “Live – Non è la D’Urso”. Dopo la telefonata in diretta da Caterina Balivo, i due si sono rivisti faccia a faccia nella trasmissione condotta da Barbara D’Urso. La questione è uno scontro improbabile il cui unico fine consiste nel determinare chi dei due sappia di più di partigiani e Resistenza durante la Seconda guerra mondiale.

La famiglia di Alba Parietti che ha fatto la Resistenza

Mi spiace molto che Mughini non abbia argomenti, tanto per cambiare. L’ho sempre considerato un intellettuale raffinato e al suo livello di cultura non posso aspirare. Lui gratuitamente ha sempre sminuito la mia carriera. Ha messo La cosa che mi preme di più è che come cittadina che ha avuto genitori antifascisti, io mi arrogo il diritto di potere parlare della storia della mia famiglia” ha esordito Alba rivendicando il diritto di parlare della storia italiana, anche in virtù del contribuito fornito dalla sua famiglia alla Liberazione dal fascismo “Mughini ha contestato anche il fatto che io potessi parlare della Seconda guerra mondiale, che non ha fatto nemmeno lui. Io credo di averne titolo in quanto depositaria di diari di persone che hanno fatto parte della Resistenza. Negare la mia capacità di dare una lettura della Seconda Guerra mondiale mi pare un negazionismo assurdo e fuori luogo”. È sull’utilizzo di certi termini che Mughini articola la sua risposta:

Mi sento male di fronte a ciascuna parola che sento perché non ha contenuto. Tutto è nato da una maledetta puntata del MCS dove eravamo un gruppo di amici a parlare del più e del meno. Nel mezzo di questa chiacchierata, lei entra con una tiritera in cui non credo ci sia granché. Si parla di resistenza e poi lei conclude con una affermazione che non ha alcun valore, che sono stati i partigiani che hanno liberato l’Italia. Parla di negazionismo, che è un termine che viene utilizzato per definire la corrente di pensiero che nega la Shoah.

Gli insulti tra i due, poi la pace

Il confronto tra i due prosegue sul piano degli inulti reciproci. Alba lo accusa di essere un uomo “violento e misogino con aspirazioni da soubrette”. Mughini replica azzardando un riferimento poco elegante alle labbra chirurgicamente ritoccate dalla Parietti. Poi conclude: “Non sai nulla, hai imparato 4 sciocchezze a memoria. Non avevo voglia di fare questo confronto, non è un confronto”. La pace scoppia inaspettata pochi minuti dopo quando, terminato il ring, i due si siedono l’uno accanto all’altra ripromettendosi di leggere i rispettivi libri prima di giudicarsi nuovamente.