Scontro non previsto a “Vieni da me” tra Giampiero Mughini e Alba Parietti. Lo scrittore si è sottoposto alle “domande al buio” previste dal programma di Caterina Balivo. Una delle domande era riferita proprio alla Parietti che lo aveva definito un “maschilista”. Dura la replica di Mughini: “Sa che io non ho una grande considerazione di lei come pensatrice moderna. Si ritiene tale ma mi permetto di dubitare che lo sia. Se metti nella bilancia le due cose, da una parte ci sono una trentina di libri, il fatto che ho scritto su tutti i giornali italiani e dall’altra una bella donna che chiacchiera”.

La provocazione di Mughini, Alba irrompe dalla Balivo

La stoccata che ha provocato la furia di Alba fino a spingerla a telefonare in studio interrompendo l’intervista in diretta è arrivata quando Mughini le ha rimproverato di parlare pubblicamente di argomenti che non conosce. La Seconda guerra mondiale, per citarne uno: “Certe volte avvia delle discussioni, tipo sulla Seconda guerra mondiale, che fossi in lei lascerei perdere”. Immediata è arrivata la risposta telefonica della Parietti che ha chiesto e ottenuto un collegamento in diretta con lo studio:

Ciao Caterina, saluto Giampiero e tutti i telespettatori. Dunque, faccio molta fatica a mantenere la calma ma vorrei chiedere a Mughini: in quale veste ha partecipato alla seconda guerra mondiale?

Il confronto tra Alba Parietti e Mughini

Per rispondere a Mughini, Alba ha citato la storia personale della sua famiglia. Al secondo conflitto mondiale avrebbe partecipato il padre dell’attrice, partigiano che ha fatto parte della Resistenza: “Non accetto che Mughini dica che non conosco la storia della Seconda Guerra Mondiale, non è un argomento qualsiasi. È un tema che fa parte delle ragioni della mia vita. Mughini ha fatto la Seconda Guerra Mondiale? Ha partecipato? In che veste? Mio padre partigiano, antifascista, la Resistenza l'ha fatta non solo combattendo a rischio della propria vita. L'ha fatto anche da bambino non indossando la divisa da Balilla e prendendo botte. Mughini dice che la resistenza non sarebbe servita a niente senza gli americani”. Ha concluso seccato il giornalista: “Un comizietto da quattro soldi”.