La frizzante trasmissione in streaming ‘Viva RaiPlay’ ha regalato agli spettatori una versione inedita di Vincenzo Mollica. Il giornalista, infatti, appare nei panni di un pupazzo che si esprime con il gergo giovanile. Intervistato da Tv, Sorrisi e Canzoni, Mollica ha dichiarato: “Nasce tutto dal genio di Fiorello. Io mi sono limitato a dargli la mia voce. Con gioia".

La stima per Rosario Fiorello

Quella tra Rosario Fiorello e Vincenzo Mollica è un’amicizia che va avanti ormai da anni. A farli conoscere è stato Bibi Ballandi. Il giornalista si fida ciecamente dello showman tanto da aver accettato subito di essere coinvolto nel progetto di Viva RaiPlay senza nemmeno ascoltare prima l’idea di Fiorello:

“Se Fiorello mi chiama e dice: ‘Ho un’idea’ io rispondo ‘sì’ prima ancora che me la spieghi. Fiducia totale. Perché lui è uno dei pochi che ha capito il vero segreto dell’arte televisiva: inventarsi ogni giorno qualcosa di nuovo. Fiorello non si ripete mai e quando vorrebbero costringerlo (per andare sul sicuro) svicola”.

Come è nato il pupazzo di Viva RaiPlay

Vincenzo Mollica ha spiegato come nasce il pupazzo di Viva RaiPlay. La voce, nonostante qualcuno lo abbia messo in dubbio, è proprio quella del giornalista. Le battute, invece, sono ideate da Fiorello: “La voce è la mia. Ovviamente, trattandosi di un pupazzo, esagero i toni e faccio un po’ la parodia di me stesso. Diciamo che Fiorello ha tirato fuori la mia anima trap-rock, che finora era rimasta un po’ in ombra. Le battute? Tutta farina di Rosario. Quando mi alzo trovo già i suoi messaggini whatsapp con le frasi da recitare, lui si sveglia molto prima di me. Io poi le registro negli studi di Saxa Rubra e lui si ‘sincronizza’ col pupazzo come fosse in un cartone animato”.

Vincenzo Mollica sarà al Festival di Sanremo 2020

A gennaio 2020, Vincenzo Mollica andrà in pensione. La cosa aveva rattristato gli spettatori che per anni hanno assistito alle sue recensioni e ai suoi servizi sempre garbati. Fiorello ha anche protestato perché reputa inconcepibile un Festival di Sanremo senza Mollica. Secondo quanto dichiarato dal giornalista, le cose si starebbero avviando a una soluzione: “Stiamo lavorando a una soluzione e penso proprio che ci sarò. Del resto mi piacerebbe, sarebbe il mio trentanovesimo Festival”.