Opinioni
29 Giugno 2021
13:00

Generazione 56K, la recensione: la serie dei The Jackal è la cosa meno The Jackal di sempre

Generazione 56K, dal 1° luglio su Netflix, è la cosa meno The Jackal che il gruppo abbia mai fatto. Otto episodi che giocano con i ricordi, con i “what if” della nostra esistenza, che regalano un’idea dell’amore tradizionale in una struttura che questa idea la tradisce di continuo. È il paradosso di ogni tempo e di ogni generazione.

Com'è Generazione 56K, la nuova serie dei The Jackal? È probabilmente la cosa meno The Jackal che il gruppo abbia mai fatto. Il primo indicatore, il più superficiale, è la presenza di Fabio Balsamo e Fru in ruoli che non sono quelli di se stessi; c'è uno sforzo, piccolo ma fondamentale, da parte dei due di interpretare Sandro e Luca tenendo a distanza di sicurezza i loro avatar. Certo, Fabio Balsamo – e il resto del gruppo che qui non c'è – lo aveva già provato a fare con Addio Fottuti Musi Verdi con scarsi risultati, ma anche in quel caso il gruppo aveva provato a battere una strada meno facile e che, semplicemente, prima di allora non c'era.

Daniel e Matilda, un amore tra passato e presente

Generazione 56K resta nel canone della storia di formazione, giocando su due linee temporali, il passato e il presente, mettendo al centro di tutto la storia di Daniel e Matilda, bene interpretati da Angelo Spagnoletti e Cristina Cappelli. Il passato è in prevalenza Procida, il presente è Napoli. Su questi due fili, su questi due luoghi, si sviluppa l'amicizia di Daniel, Sandro e Luca. La loro passione per la tecnologia, la fantascienza (e il porno, vedi: La principessa Betulla), si è tradotta nello sviluppo di applicazioni in serie per un'esosa e ambiziosa società (il cui CEO è interpretato da Massimiliano Rossi). D'altro canto anche il gruppo delle amiche – su cui svetta, oltre alla protagonista, la Ines di Claudia Tranchese, caratterista in stato di grazia che rivedremo presto anche in Gomorra 5 – non se la passa bene tra matrimoni annacquati, andati a male o in procinto di esserlo. Tutto gira infatti sui preparativi del matrimonio di Matilda con quello che apparentemente sembra l'uomo perfetto e su un piccolo grande equivoco: un appuntamento al buio con Daniel, al quale Matilda si presenta per puro caso, che risveglia i vecchi ricordi, i vecchi odori e tutti i come sarebbe stato se.

La serie, nata da un'idea di Francesco Ebbasta – che dirige i primi quattro episodi e firma anche il soggetto, con Davide Orsini, e la sceneggiatura, con Costanza Durante e Laura Grimaldi – regala un'idea dell'amore tradizionale in una struttura che quest'idea la tradisce di continuo. È il paradosso di ogni tempo e di ogni generazione, lo stesso con il quale ha fatto i conti anche il Troisi di Pensavo fosse amore invece era un calesse (anche qui c'è un Enea di troppo, interpretato da Sebastiano Kiniger: un'ovvia e apprezzata citazione).

Dal 1° luglio su Netflix, la serie – prodotta con Cattleya e la collaborazione di Ciaopeople – arriverà sulla piattaforma con tutti i suoi 8 episodi. Provate a non amarla, se ci riuscite. In tre lustri, i The Jackal hanno sperimentato nuove tracce, hanno fatto da esempio e hanno aperto un mercato. Ora che stanno attraversando la fase più mainstream e multiforme della loro carriera – sono presenti su RaiPlay con gli Europei a casa The Jackal, hanno vinto LOL su Prime Video, adesso la serie su Netflix e la prossima stagione promette scintille con Ciro Priello a Tale e Quale Show – i The Jackal lo stanno facendo con spalle sempre più larghe cercando di modificare e adattare il proprio linguaggio sui diversi canali di destinazione. Generazione 56K è il primo vero tassello di questo adattamento, il più riuscito.

Gennaro Marco Duello (1983) è un giornalista professionista. Lavora a Fanpage.it dal 2010 nella redazione Spettacolo. Dal 2012 al 2016 ha ideato e condotto il format “Fanpage Town”, dedicato al mondo della musica con interviste e performance dal vivo. Dal 2020 conduce, per la live Youtube di Fanpage.it, la rubrica “L’hai vista questa?” sul mondo delle serie tv.
Generazione 56K, quattro nomination ai Serial Awards per la serie The Jackal
Generazione 56K, quattro nomination ai Serial Awards per la serie The Jackal
153 di Videonews
Generazione 56K, il trailer della serie Netflix dei The Jackal con Fabio e Fru
Generazione 56K, il trailer della serie Netflix dei The Jackal con Fabio e Fru
Il teaser di Generazione 56K, la serie con i The Jackal
Il teaser di Generazione 56K, la serie con i The Jackal
1.310 di Ilaria Costabile
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni