36 CONDIVISIONI

Cristina Parodi: “Tantissimi complimenti ma pochissimi ascolti”

Cristina Parodi Live non decolla ma a La7 sono tutti soddisfatti: l’ex giornalista del Tg5, abituata ai grandi numeri del Biscione, sogna di “acchiappare” più pubblico ma smentisce una possibile chiusura anticipata del suo programma pomeridiano tra costume ed attualità.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Fabio Giuffrida
36 CONDIVISIONI
cristina parodi

Cristina Parodi ha coronato finalmente il suo sogno, quello di lanciarsi in una nuova esperienza professionale (e televisiva), cambiare rete tv e dunque provare nuove emozioni. Il trattamento che le viene riservato a La7 è nettamente diverso da quello del Biscione: se al Tg5 era "una delle" giornaliste, in quel di La7 è la conduttrice del Cristina Parodi Live, programma pomeridiano della piccola rete di Telecom Italia che non riesce a schiodarsi da quello scarso 2% di share. Una partenza sottotono, lo ammette anche la Parodi stessa, ma assai prevedibile visto che il pubblico non era mai stato abituato ad un pomeriggio fra attualità e costume, tipico della Parodi. Quasi un ritorno al suo Verissimo, ma con contenuti decisamente più alti e con argomenti meno "gossippari". Noi abbiamo definito l'ex giornalista del Tg5 elegante, professionale e convincente al debutto.

Cristina Parodi ammette i risultati bassi del suo programma in termine di audience e lo fa in un'intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni:

E' difficile su La7 guadagnare telespettatori perchè non c'era un programma pomeridiano e ci vuole tempo per creare affezione nel pubblico. Passare dal 2% al 3% è un salto enorme e non riesci a farlo in un mese. Ma ci sono segnali positivi.

Nessun rischio chiusura anticipata per Cristina Parodi Live visto che i dirigenti di La7 sono speranzosi:

Il direttore Paolo Ruffini dice di avere pazienza e che ci vogliono un paio di mesi per ingranare. Bisogna aspettare l'autunno inoltrato quando la gente guarda di più la tv.

Nessuno stravolgimento, il format piace così com'è anche se la squadra di autori è assai nutrita, si parla addirittura di ben 16 componenti tra redazione ed autori. Se Enrico Mentana (ex giornalista del Tg5) odia tutto quello che è moda, Cristina Parodi invece ha sempre desiderato uno spazio leggero, anche se – ne è certa – non le manca nulla del suo passato a Mediaset:

Ho fatto tutto quello che si poteva fare. Poi un conto è essere uno dei tanti giornalisti, un altro è fare la conduttrice di un programma. Se a Mediaset mi cambiavo in sartoria come gli altri, a La7 ho un camerino tutto mio.

Nessun rapporto d'amicizia con Barbara D'Urso o Mara Venier, suoi diretti competitor che apprezza per i loro alti ascolti, soprattutto La Vita in Diretta che giornalmente supera il diretto "rivale" su Canale 5. La Parodi, abituata a fare grandi numeri, adesso dovrà adattarsi alla nuova mentalità, a quella di un tv rivoluzionaria che in poco tempo ha avuto un exploit imprevedibile "acchiappandosi" grandi nomi dell'informazione italiana, da Michele Santoro ad Enrico Mentana, da Cristina Parodi alla coppia Fazio-Saviano. Questo il tweet della stessa Parodi che riassume in breve il suo pensiero:

36 CONDIVISIONI
Fabrizio Corona da Cristina Parodi
Fabrizio Corona da Cristina Parodi
Cristina Parodi: "Ho lasciato Mediaset con grande dolore e angoscia"
Cristina Parodi: "Ho lasciato Mediaset con grande dolore e angoscia"
Cristina Parodi al debutto a La7: professionale, elegante e convincente
Cristina Parodi al debutto a La7: professionale, elegante e convincente
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views