Nella puntata di "Live – Non è la D'Urso", dopo il lungo spazio dedicato al caso Mark Caltagirone/Pamela Prati che vede coinvolta anche un'inchiesta di Fanpage.it, è andato finalmente in scena il lungo e intenso confronto tra Alba Parietti e Barbara D'Urso. In molti si sono chiesti come mai la Parietti abbia accettato di essere ospite della collega, contro la quale aveva rivolto pesantissime critiche negli anni scorsi.

Alba Parietti non si scusa con la D'Urso

Alba aveva in realtà già spiegato le ragioni della sua ospitata, ma l'argomento è inevitabilmente venuto fuori nel corso della diretta, con Giuseppe Cruciani che ne ha chiesto conto all'ex opinionista dell'Isola dei Famosi: "Hai detto che le trasmissioni di Barbara D'Urso non ti piacciono e che addirittura sono uno scempio della dignità umana. Eppure sei seduta su quella poltrona. Magari hai cambiato idea?". La Parietti, che disse quelle parole a Tv Talk e che criticò la D'Urso anche in altre occasioni, non sembra affatto aver mutato opinione:

Non è necessario per forza scusarsi o cambiare idea. Ci sono sentimenti che provi e che possono rimanere inalterati. Non sono qui per scusarmi, potrei fare un colpo di teatro, prendere, uscire e passare alla Storia, ma preferisco passare dalla cassa. La televisione è anche questo, facciamo parte di questo circolo mediatico e ognuno risponde esclusivamente delle proprie azioni. Ho detto certe cose che pensavo perché legate a dei fatti, a persone cui voglio particolarmente bene. Barbara, tu fai un certo tipo di televisione, che prevede che uno entri a far parte di questo tritacarne. Io mi presto, mi piacciono le sfida ma non mi piacciono le urla. Entro in questo circo che è la televisione e faccio me stessa.

La replica di Barbara D'Urso

La D'Urso a quel punto ha scelto di intervenire, ricordando l'amicizia di lunga data con la collega: "Capita spesso che vengo attaccata da persone che non mi aspetto. Conosco Alba da anni, ero al suo matrimonio 40 anni fa. Tu dicesti cose cattive, ma non ho mai reagito, non ti ho mai chiamato e non ho mai fatto una replica. Penso che ogni persona abbia il diritto di esprimere il proprio pensiero. Io non lo condivido, però volo alto. Non lo avrei fatto io, ma io volando alto me lo dimentico". A quel punto, Alba è entrata maggiormente nello specifico, facendo riferimento a un caso trattato dalla D'Urso che l'ha riguardata personalmente:

Io non potrei fare questo tipo di programmi come conduttore, come non sarei capace di condurre un reality come probabilmente non ero adatta nemmeno a fare l’opinionista in un reality, ci vuole una dose di cattiveria e cinismo che non ho. Ti ritengo una grandissima professionista e ho anche detto che se fossi in Mediaset continuerei ad affidarti dei programmi. Rimango però della mia opinione. Ci sono persone che riguardavano i miei affetti che ho visto stare male, che ho visto soffrire a causa di situazioni che andavano in televisione. Ci sono circostanze che vanno chiarite in famiglia e non in televisione. 

Il riferimento al caso De André

Come ha immediatamente fatto notare Cruciani, è apparso evidente che l'episodio cui la Parietti ha fatto riferimento è il caso di Cristiano Di André, accusato dai suoi figli e in particolare da Francesca De André di essere stato un padre assente e addirittura violento. Oggi Francesca è al Grande Fratello, ma è stata diffidata da Cristiano dal parlare di lui. Anche la sorella Fabrizia avrebbe dovuto partecipare al reality, ma ha preferito rinunciare. "Vorrei non entrare nello specifico", ha continuato la Parietti, "Barbara, non puoi non sapere da donna intelligente quale sei che ci sono circostanze che fanno male alle persone". La D'Urso ha però difeso la sua crociata in difesa dei fratelli De André:

Avrei continuato a parlarne se non fosse arrivata una diffida dal padre. Perché tutto questo non è iniziato da Francesca De André o dalle mie trasmissioni, ma da un libro e dalle dichiarazioni che ha fatto il padre di Francesca De André. Sono situazioni dolorose soprattutto per lei, credimi. Sono intelligente e capisco che una donna intelligente come te possa avere un'opinione. C'è modo e modo, forse potevi chiamarmi a casa per dirmi che sono il male dell'umanità invece di dirlo ai giornali. Io orgogliosamente faccio questo lavoro. Pensa che quando mi hanno proposto il tuo nome ho subito detto che ti volevo in studio, perché no!? La gente mi ha chiesto perché ti ho invitato e io ridevo. Chissenefrega, tu sei altro, io sono altro. Però rivendico il diritto di proteggere quello che ho fatto per Francesca De André, se non fosse arrivata la diffida avrei continuato a parlare perché sono lei e sua sorella a essere state attaccate.

Parietti contro la regina della tv, le parole su Francesca De André

Diverso è il parere in proposito della Parietti, che – ricordiamo –  è stata legata a Cristiano De André dal 2010 al 2014 e conoscerebbe molto bene la situazione della sua famiglia. Queste le sue dichiarazioni contro la "regina della televisione" che hanno chiuso la questione nel finale di "Live – Non è la D'Urso".

Io Francesca la conosco e per me è stata come una figlia, ma non voglio entrare in fatti privati. C'è una grande ipocrisia e io non sono un'ipocrita. Tu sai che io sto sempre sul carro dei perdenti. Essere capace di dire cose contro la regina della televisione per difendere gli affetti credo che sia una cosa importante. Proprio in virtù del fatto che conosco quell'uomo di cui stiamo parlando (Cristiano, ndr) e conosco tutta la famiglia De André e voglio a tutti bene, ti posso dire che ci sono tanti punti di vista. Sono stata io la prima a portare Francesca in televisione, sono contenta se fa una bella carriera televisiva. Ma è arrivata il momento di staccarsi da questo odio e da viverla da professionista.