La finale di Amici Speciali è ormai alle porte, l'ultima puntata dello spin-off del talent di Maria De Filippi andrà in onda su Canale 5 nella prima serata di venerdì 5 giugno. I finalisti, come stabilito già nella semifinale sarebbero stati quattro, ma dopo la rinuncia dei The Kolors, il cui annuncio è arrivato improvvisamente, a prendere ufficialmente il posto del quarto finalista è il ballerino Umberto Gaudino. La scelta è stata presa in maniera unanime dagli altri finalisti: Alessio, Irama e Michele Bravi.

La scelta degli altri finalisti

A giocarsi il titolo del vincitore di Amici Speciali è Umberto Gaudino. Il ballerino, che pure aveva espresso il suo desiderio di prendere parte alla finale, non era riuscito a conquistare il posto che invece, dopo svariate performance e in seguito alla decisione degli altri finalisti, è stato agguantato da Stash e i suoi The Kolors. Ovviamente il frontman della band, non ha mai nascosto la sua felicità nemmeno in puntata, commuovendosi e ringraziando tutti per averlo scelto. Dopo la rinuncia, improvvisa, ecco che sono chiamati a fare un nuovo nome gli altri finalisti, ovvero Alessio, Irama e Michele Bravi. Ognuno di loro ha dichiarato di essere a conoscenza della scelta presa da Stash, rispettandola, e trovandosi nella condizione di scegliere tra gli altri concorrenti tutti hanno dichiarato: "Faccio il nome di Umberto", come si può vedere in un breve video pubblicato sulla pagina ufficiale del talent. Una grande soddisfazione per il giovane artista che, però, non ha ancora commentato la bella notizia.

La rinuncia dei The Kolors

L'annuncio è stato divulgato prima dalla produzione di Amici Speciali, e poi successivamente è stato accompagnato da un videomessaggio nel quale Stash, frontman dei The Kolors, spiega il perché di questa scelta improvvisa. Il cantante e la sua band sono convinti di aver già avuto troppe opportunità nel talent di Maria De Filippi. Preferiscono, per questa ragione, lasciare spazio a un altro concorrente:

"Pur essendo molto lusingato di essere stato scelto come finalista, sin da subito, sin dal primissimo momento dopo la puntata, mi sono sentito di rinunciare a quel posto da finalista. Seppur simbolico, quel trofeo è pur sempre un'opportunità. Io di opportunità da questo posto ne ho avute già tante. La mia coppa l'ho alzata nel 2015. Da due anni sono professore in questa scuola e gran parte di questi ragazzi che vedete in questo programma li ho interrogati, li ho visti crescere artisticamente, ho dato voti, li ho consigliati per cui mi sembra giusto rinunciare in questo momento al mio posto di finalista".