26 Febbraio 2015
11:10

The Voice of Italy 3 parte bene e fa meglio della scorsa edizione

La terza edizione di “The Voice of Italy” riesce a fare all’esordio meglio della scorsa edizione: 3 milioni di spettatori hanno seguito il talent di Rai Due.

Parte bene "The Voice of Italy 3" che riesce nella non facile impresa di migliorare gli ascolti dell'esordio della passata edizione, quella caratterizzata dalla presenza del fenomeno Suor Cristina. Bene il "TeamFach" con Roby e Francesco Facchinetti, così come tutto il resto dei coach. Una puntata caratterizzata dalla presenza di Chiara Iezzi, l'ex bionda del duo "Paola & Chiara", e che ha registrato nella presentazione 1.466.000 spettatori (4.84%) e nel programma 3.036.000 telespettatori per uno share del 12.45%. L'anno scorso non arrivò a quota 3 milioni, fermandosi a 2.705.000 per uno share del 11.15%, ma resta della prima edizione il record all'esordio: 3.376.000 telespettatori, share del 12,34%.

La serata televisiva la vince però la nona puntata di "Solo per amore" che fa registrare un ascolto netto di 4.022.000 telespettatori per uno share del 15.08%. Sule altre reti "Il matrimonio che vorrei", film su Rai 1 con Meryl Streep e Tommy Lee Jones, ha registrato un ascolto di 3.060.000 telespettatori, per uno share dell'11.32%. Bene la Sciarelli e "Chi L'ha Visto?" su Rai Tre: 3.023.000 di spettatori, 12.45% di share. La partita di Champions League tra Bayer Leverkusen e Atletico Madrid ha registrato un ascolto netto di 2.350.000 telespettatori, per uno share del 8.11%. Il film "Trappola in alto mare" arriva a quota 1.901.000 telespettatori, share del 7.14%. La puntata de "Le Invasioni Barbariche" ha registrato un ascolto di 641.000 telespettatori, per uno share del 2.87%.

I quattro finalisti di The Voice of Italy 2015
I quattro finalisti di The Voice of Italy 2015
Fabio Curto è il favorito alla vittoria di
Fabio Curto è il favorito alla vittoria di "The Voice of Italy 3"
Fabio Curto: a The Voice of Italy vince il cantautorato per cui non siamo pronti
Fabio Curto: a The Voice of Italy vince il cantautorato per cui non siamo pronti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni