Serena Rossi è stata uno degli ospiti d'onore della terza serata del Festival di Sanremo 2019. La bellissima attrice, conduttrice e cantante ha interpretato il brano Almeno tu nell'universo, insieme a un emozionato Claudio Baglioni. I motivi che li ha visti partecipi della stessa esibizione sono due: Serena Rossi è pronta per portare sul piccolo schermo la mini serie dedicata alla vita di Mia Martini, dal titolo Io sono Mia, che partirà proprio su Rai1 martedì 12 febbraio; Claudio Baglioni è particolarmente legato alla memoria della cantante prematuramente scomparsa, essendo stato uno degli autori del suo primo album, Oltre la collina, del 1971.

La storia del brano Almeno tu nell'universo

Il brano Almeno tu nell'universo è stato scritto a due mani da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972, ma è stato pubblicato solo nel 1989 da Mia Martini. Il motivo per il quale la canzone è rimasta a lungo inedita era legato al fatto che Bruno Lauzi voleva che fosse la voce di Mimì ad accarezzare quelle parole e così fu. Nel 1989 la cantante si convinse a interpretarla e a portarla sul palco del Festival di Sanremo di quell'anno, dove ottenne un grandissimo successo di pubblico e il Premio della Critica. Da allora, rappresenta anche una delle canzoni iconiche strettamente connesse alla memoria di Domenica Rita Adriana Bertè.

Il testo di Almeno tu nell'universo

Sai, la gente è strana
Prima si odia e poi si ama
Cambia idea improvvisamente
Prima la verità poi mentirà lui
Senza serietà
Come fosse nienteSai, la gente è matta
Forse è troppo insoddisfatta
Segue il mondo ciecamente
Quando la moda cambia
Lei pure cambia
Continuamente, scioccamenteTu, tu che sei diverso
Almeno tu nell'universo
Un punto sei, che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuoreTu, tu che sei diverso
Almeno tu nell'universo!
Non cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero di più, di più, di piùSai, la gente è sola
Come può lei si consola
Per non far sì che la mia mente
Si perda in congetture, in paure
Inutilmente e poi per nienteTu, tu che sei diverso
Almeno tu nell'universo
Un punto sei, che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuore
Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell'universo
Non cambierai, dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero di più, di più, di piùNon cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero, davvero di più