sanremo 2013 conferenza stampa

Si è appena conclusa la conferenza stampa di presentazione del 63° Festival della Canzone italiana di Sanremo 2013 che andrà in onda su Rai 1 dal 12 al 16 Febbraio 2012, rigorosamente dal Teatro Ariston. Dal Centro di Produzione Rai di Corso Sempione a Milano, invece, sono intervenuti Giancarlo Leone (Direttore Rai Intrattenimento), Fabio Fazio (Direttore Artistico e conduttore) e Mauro Pagani (Direttore musicale). Presenti anche il Sindaco di Sanremo Maurizio Zoccarato e il Presidente IPSOS Nando Pagnoncelli. La regia è di Duccio Forzano. Manca il Direttore di Rai 1 Mauro Mazza, come mai?

12.45 Fabio Fazio: "E' nostra intenzione ascoltare tutte le canzoni finora proposte. Siamo molto rigorosi: abbiamo detto con gli autori, ascoltiamole tutte. Nessuna preclusione nei confronti di nessuno [verso i talent show ad esempio, ndr]. Oggi non c'è più l'esclusività, per il cantante non c'è più il problema della visibilità, basta postare la propria canzona ed è fatta: ora al Festival l'attenzione è posta sulla canzone, sul prodotto finale dunque".

12.50 Mauro Pagani: "Sono a disposizione della direzione artistica, non dirigerò io tutti i cantanti. Ognuno porta il proprio direttore d'orchestra. La musica finalmente torna protagonista, ogni cantante porterà due canzoni". Per il girone "campioni" (che non potranno essere eliminati) sono previsti 14 artisti, ognuno con due brani, per un totale quindi di 28 brani a cui si andranno ad aggiungere 8 brani del girone "giovani" per un totale di 36 canzoni. Nel girone "giovani" gareggeranno 6 cantanti tutti maggiorenni mentre dall'Area Sanremo arriveranno 2 cantanti, anche minorenni. Scompare la giuria demoscopica e ritornano la giuria di qualità e la giuria della stampa. A garantire il regolare svolgimento delle votazioni il Presidente dell'IPSOS Nando Pagnoncelli.

12.56 Gli ospiti di Sanremo: "Gli ospiti possono proporsi e possiamo, viceversa, proporli noi. Vorrei portare anche artisti che non siano in promozione. Questo Festival infatti dovrà fare i conti con l'edizione precedente, le ultime sono state toste in merito agli ascolti. Si dice sempre che non dobbiamo confrontarci, l'ascolto più alto io l'ho fatto nel 2000. A me interessa anche fare pochissimo, l'importante è non battere me stesso" ha ironizzato il conduttore. Per Giancarlo Leone: "Sappiamo quale budget non possiamo superare, che in ogni caso non possiamo dirvi, abbiamo un minimo di riservatezza aziendale. Dobbiamo fare i conti con la crisi, questo Festival indubbiamente costerà meno. I cachet degli ospiti ora non li diremo, l'anno scorso ad esempio sono stati detti dopo. Nostro obiettivo è fare un bel Festival, non solo essere competitivi".

13.05 Gino Paoli ci sarà: è stato invitato da Fazio a Sanremo 2013 e ha accettato con un sonoro "Ci provo", ovvero dovrà trovare le canzoni giuste prima di salire sul palco dell'Ariston. L' abolizione dell'eliminazione dei big e della possibilità di portare due brani aiuteranno sicuramente il Festival di Sanremo, avvicinando i big della musica come Gino Paoli alla kermesse musicale più vista d'Italia. Fabio Fazio: "Sanremo rappresenta la storia del nostro paese. I cantanti nei confronti del Festival hanno un atteggiamento duplice, da una parte affettuoso, dall'altro di prevenzione ma che non ha più ragion d'essere. Abbiamo tolto – in favore della musica – alcuni "elementi" televisivi, adesso mi aspetto una maggiore adesione da parte dei cantanti. Altri nomi non vorrei farli adesso. Ma non ci saranno minorenni tra i big". Il cantante vincitore dovrà il suo primo posto per il 25% al televoto di Giovedì, per il 25% a quello del Sabato e per il 50% alla giuria di qualità. E' prevista anche una serata "Sanremo Story" dove i big eseguiranno i brani storici del Festival in compagnia degli ospiti italiani ed internazionali.

13.10 Quanti saranno gli ospiti? "Al momento non sappiamo nemmeno la scaletta nè l'orario di apertura e chiusura di Sanremo. In ogni caso ha senso se l'ospite rappresenta qualcosa nella storia della musica. Da martedì incominciamo a pensare allo spettacolo, per ora abbiamo pensato solo all'aspetto tecnico, quindi musicale. E non abbiamo ricevuto picche" ha precisato Fazio.

13.14 Mauro Pagani: "Il Festival deve essere la miglior fotografia della cultura di questo paese. Se un cantante ha programmato che il suo disco uscirà ad Ottobre, non è detto che sia disponibile a fare promozione da noi. A volte alcuni non ne hanno voglia, il sistema della promozione "sfinisce" gli artisti che vengono mandati ovunque a ripetere sempre le stesse cose. La promozione può essere anche una croce insopportabile. Dobbiamo trovare sincronia con la vita degli artisti. Ci sono cantanti che mi piacerebbe avere, vorrei avere il potere assoluto ma non funziona". Ad esempio Gigi D'Alessio non andrà a Sanremo, ha altro da fare.

13.18 Giancarlo Leone, replicando ad una domanda piuttosto incalzante di una giornalista che insinua sullo stato pessimo (dal punto di vista contenutistico) della Rai, dichiara: "La Rai non è imbalsamata, gli ascolti di Rai 1 non sono premianti ma questo non significa dover arrivare a questo tipo di giudizio, siamo ancora all'inizio della stagione televisiva. Mediaset invece sta sparando tutte le cartucce a loro disposizione. Tra l'altro Ti lascio una canzone ha pareggiato gli ascolti con C'è posta per te. E, scusatemi se vado fuori tema, il Presidente Rai Tarantola segue con attenzione le critiche del Moige; a Ti lascio una canzone gara c'era prima e gara c'è oggi, abbiamo solo innovato il linguaggio. Abbiamo le carte in regola per non essere irriguardosi nei confronti della dignità dei bambini. In conclusione: la Rai non è imbalsamata".

13.23 Fabio Fazio: "Il confronto sarà impari con la precedente edizione che ha fatto il botto […] Il gruppo di lavoro è lo stesso. Saviano ospite [che non sarà ospite fisso a Sanremo, ndr]? Me lo auguro perchè rappresenta il meglio del nostro paese, è un simbolo importantissimo per noi, sono felice che la Rai lo abbia riaccolto. Le sue parole sono protette dalle istituzioni, sarebbe stato stravagante che la tv di stato non le accogliesse". 

13.29 Direttore musicale Pagani: "Spero di riuscire a far in modo che tutti trovino uno spazio. Ma ci sono pochi posti anche per i giovani, ma se lo dico di là mi fucilano giustamente. Sanremo può anche essere una trappola terribile, per questo conviene arrivarci solo quando hai qualcosa da dare, quindi al momento giusto e con la canzone giusta. Questa commissione sceglierà solo i cantanti che ci piacciono davvero, il resto lo farà il mercato". Sull'aspetto "social" di Sanremo Fabio Fazio ammette di essere un po' indietro, diametralmente opposto a Giancarlo Leone che "cinguetta" continuamente."Perchè dobbiamo utilizzare il web?" tuona ironicamente Fazio. Da quest'anno sarà possibile seguire il Festival sul web e si potrà anche interagire.

13.33 Su Che tempo che fa Fazio dichiara: "Vediamo come andrà a finire lunedì, è per noi una scommessa, sarà una puntata sperimentale che vuole riassumere l'esperienza di Vieni via con me. L'ospite centrale sarà il cardinale Camillo Ruini ma ci sarà spazio anche per il gran ritorno di Roberto Saviano, che di tanto in tanto sarà ospite nel mio programma. Domenica invece ci saranno Maurizio Pollini e il Ministro Passera".

13.36 Mai più casi farfallini a Sanremo quest'anno? Leone: "E' stato ampliato ad arte il caso della farfallina, non studieremo quest'anno questi tipi di meccanismi. L'attenzione sulla donna c'è sempre stata, come ha chiesto la Tarantola, la nostra è una kermesse di qualità".

13.38 Claudio Baglioni a Sanremo di venerdì: "Ci pensa, ha dei progetti suoi, è un'ipotesi che vorrei si realizzasse perchè rappresenta lo spirito scanzonato che vogliamo realizzare per quella sera lì" ha ribadito Fazio. Sanremo vicino alle elezioni politiche? "Non ci abbiamo pensato, non ci deve essere per forza continuità. Ci vuole rispetto per il pubblico, non possiamo mai approfittare della situazione e del nostro ruolo" ha concluso il conduttore.

13.43 Giancarlo Leone: "Siamo responsabili verso Rai 1 e verso il pubblico del Festival di Sanremo. La rete può intervenire e dire la sua. La Rai è con noi, non si distacca e non si dissocia. Faremo un ottimo lavoro". Il conduttore di Sanremo riserva infine parole di stima ed affetto a Luciana Littizzetto: "E' uno dei più grandi talenti dello spettacolo italiano. Se ci fosse, vorrei che facesse la co-conduzione del Festival, tra noi c'è molto affiatamento. Vorrei che lei giocasse a fare Sanremo anche perchè, secondo me, non le capiterà mai più".

13.45 Fine della conferenza stampa.