Riccardo Guarnieri ha rilasciato un'intervista a Uomini e Donne Magazine. Il cavaliere del trono Over è tornato di recente nel programma di Maria De Filippi e ha ripreso a frequentare Roberta di Padua, con la quale l’addio era stato decisamente burrascoso. Riccardo, a sorpresa, ha dichiarato che non gli dispiacerebbe affatto se Ida Platano, la sua ex fidanzata, tornasse in studio. Ecco perché.

Perché Riccardo vorrebbe che Ida tornasse a UeD

Riccardo Guarnieri ha dichiarato di sperare che Ida Platano decida di scendere la scalinata del programma di Maria De Filippi. Il motivo? Gli piacerebbe avere un confronto con lei. Riccardo ha dichiarato: "Se Ida dovesse tornare? Ma magari! Non vedo l’ora di affrontarla, e non mi spaventa o mette ansia il fatto che ci sia la possibilità di un confronto. Ora la nostra storia la ripercorro con lucidità e ho un quadro molto chiaro della situazione”. Guarnieri ha anche precisato che non gli darebbe fastidio vederla interagire con altri uomini del parterre, perché è convinto di aver fatto tutto il possibile per salvare la loro relazione: "Solo lei non l’ha capito ed è questa l’unica cosa che mi dà fastidio”.

Il commento sullo schiaffo ricevuto da Roberta Di Padua

Riccardo Guarnieri ha svelato perché ha deciso di dare un’altra possibilità a Roberta Di Padua. Ha dichiarato che tra loro non ci sono mai stati problemi caratteriali. È addirittura convinto che il loro sia il rapporto che tutte le coppie vorrebbero avere: Massima empatia, complicità, nessun giudizio e nessuna polemica basata sul nulla”. Ha raccontato che con Roberta può permettersi di fare un commento su una bella ragazza, senza che scoppi una lite. Quanto all’episodio dello schiaffo ricevuto in studio dalla dama del Trono Over, ha spiegato di non aver mai dato peso alla cosa, neanche nel momento in cui è accaduta:

“Lo avevo superato subito. Tanto che, quando andò in onda la puntata dello schiaffo, mi ricordo che Roberta venne molto attaccata sui social e io la difesi per cercare di alleggerire un po’ il tutto, anche perché nei momenti di rabbia si fanno anche cose sbagliate, non giustificabili ma comprensibili. Oggi quasi mi viene da ridere a ripensare a ciò che è successo, e ci scherzo anche su".