L'edizione di Ballando con le stelle più sofferta di sempre è conclusa, ma gli strascichi continuano post finale con polemiche e frecciatine a distanza. Ospite a Domenica In nel pomeriggio, Paolo Conticini ha commentato il suo percorso come concorrente, con quella che è apparsa come una possibile stoccata a Raimondo Todaro ed Elisa Isoardi: “Ho cercato di essere più semplice possibile, non inventandomi niente, nessuna storia d’amore, nessuno scoop". Puntualissima, la replica di Todaro è arrivata poco dopo.

Caro Paolo Conticini, sia io e che Elisa Isoardi abbiamo sempre dichiarato di non esserci mai visti fuori dagli studi. Se poi qualcuno pensa che non sia vero, non dipende da noi. La verità è che eri il favorito e se non hai vinto non è certo per colpa nostra anzi… ascolta bene le parole di Ivan Zazzaroni che a sua insaputa aveva il microfono aperto…

Il legame tra Elisa Isoardi e Raimondo Todaro

Todaro ha pubblicato anche un breve audio in cui si sente Zazzaroni dire “devono vincere 5 a 0”. "Prossima volta prima di parlare sciacquatevi la bocca”, ha chiuso il ballerino. Al centro della vicenda, il tanto discusso legame con Elisa Isoardi, che ha riempito le pagine di gossip per tutta la durata dell'edizione. I due si sono imposti di non andare oltre il rapporto amicale e professionale  sino alla fine di Ballando. Nella finale, lei ha lasciato intendere che ora potrebbe davvero nascere qualcosa: "Mi innamoro, va bene? Mi innamoro perché siamo bellissimi. Punto. Non c'è nient'altro da dire. Ed è pura la cosa. L'amore è amore. È bellissimo. La complicità, il volersi bene è qualcosa di straordinario".

La classifica di Ballando con le stelle

Sono Gilles Rocca e Lucrezia Lando i vincitori dell'edizione 2020 di Ballando con le stelle. Paolo Conticini e Veera Kinnunen si sono classificati secondi, con Alessandra Mussolini e Samuel Peron in terza posizione. Elisa Isoardi e Raimondo Todaro sono arrivati quarti (sembra che la coppia abbia reagito con un gesto di stizza per la delusione), seguiti da Daniele Scardina e Anastasia Kuzmina, Costantino della Gherardesca e Sara Di Vaira, Tullio Solenghi e Maria Ermachkova.