10 Giugno 2016
13:59

Pippo Baudo dice no a Bruno Vespa e a ‘Porta a Porta’: “Sarebbe necrologio anticipato”

Bruno Vespa svela al Fatto quotidiano come l’assenza di uno speciale sugli 80 anni di Pippo Baudo sia dipesa dalla volontà di quest’ultimo: “Ha detto di no, perché al momento non sta lavorando in tv”. Baudo ha preferito un’apparizione fulminea da Carlo Conti ai Wind Music Awards, anche se le vecchie incomprensioni con Vespa sembrano messe da parte.
A cura di Valeria Morini

Gli 80 anni di Pippo Baudo, compiuti lo scorso 7 giugno, sono stati festeggiati con auguri da parte di tantissime star del mondo dello spettacolo. Era però lecito aspettarsi una serata celebrativa a "Porta a Porta", con ospite l'icona della tv italiana. Invece, Baudo si è limitato a una breve apparizione ai "Wind Music Awards 2016" di Carlo Conti e Vanessa Incontrada, ma non ha nemmeno varcato l'ingresso dello show di Bruno Vespa. Ebbene, come ha rivelato quest'ultimo in una lettera inviata al Fatto Quotidiano, è stato proprio Baudo a rifiutare l'invito. Ecco le parole di Vespa:

Nanni Delbecchi rileva che Porta a Porta avrebbe dimenticato di festeggiare gli 80 anni di Pippo Baudo. La responsabilità non è nostra. Nell’imminenza del compleanno ho telefonato a Pippo per dirgli che saremmo stati felici di celebrarlo. Lui ha detto che questa telefonata, che metteva fine a una lunga e sgradevole incomprensione, era il miglior regalo di compleanno che potessimo fargli. Ma ha aggiunto che voleva "dimenticare" l'anniversario. "Se si celebra un ottantenne in attività il compleanno è una festa. Ma poiché non ho alcuna prospettiva di lavoro, rischia di trasformarsi in un necrologio anticipato". Aspettiamo perciò che Pippo torni prestissimo al lavoro in Rai per averlo di nuovo felicemente tra noi.

La lite tra Pippo Baudo e Bruno Vespa nel 2011

L'incomprensione cui fa riferimento la lettera è la lite tra Pippo Baudo e Bruno Vespa risalente al 2011, durante la conduzione del programma Centocinquanta dedicato all'anniversario dell'Unità d'Italia. Allora si parlò di insulti reciproci dietro le quinte e sputi da parte di Baudo al dirigente Rai Claudio Donat-Cattin. Ci fu un altro episodio alcuni anni dopo, a testimoniare i rapporti tesi tra i due: nel 2014, in occasione dello speciale di Porta a Porta sui 60 anni della Rai, Baudo non venne invitato, proprio a causa dell'incidente succitato.

Ora, sarebbe dunque finalmente tornata la distensione tra i due conduttori, sebbene Baudo abbia deciso di declinare cortesemente l'invito a uno speciale dedicato a lui. Impossibile non notare come il presentatore abbia tuttavia accettato quello di Conti, apparendo sul palco dei WMA e ricevendo una targa commemorativa per la sua longeva carriera. Si è trattato tuttavia di un'apparizione durata solo pochi minuti e non uno speciale vero e proprio. Nella risposta data a Vespa si legge un velo di amarezza da parte del decano della storia televisiva, assente dal piccolo schermo ormai da qualche anno, ma ancora desideroso di tornare in tv con un programma tutto suo.

AgCom boccia confronto Letta - Meloni a Porta a Porta, la reazione di Bruno Vespa
AgCom boccia confronto Letta - Meloni a Porta a Porta, la reazione di Bruno Vespa
Lite a Porta a Porta, Renato Brunetta accusa Bruno Vespa:
Lite a Porta a Porta, Renato Brunetta accusa Bruno Vespa: "Sei sottomesso a Renzi"
20 anni di Porta a Porta
20 anni di Porta a Porta
32.160 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni