Fabrizio Salini, ad della Rai, avrebbe deciso per le nomine dei nuovi direttori di rete. Domani, in Consiglio di amministrazione saranno annunciati Stefano Coletta alla direzione di Rai1, Ludovico Di Meo alla direzione di Rai2 e Silvia Calandrelli  alla direzione di Rai3. Michele Anzaldi, Vigilanza Rai (Itv): "Non la penso bene per quello che stanno facendo. Se hai una emergenza e vuoi cambiare davvero le cose, devi cambiare Foa". 

Chi sono i nuovi direttori di rete

Stefano Coletta, attualmente direttore di Rai3, ha iniziato il proprio percorso in Rai come redattore. Nel 2001 è assunto come funzionario. È stato autore, poi capo progetto di programmi di prima e di seconda serata ("Tatami", "Mi Manda Rai3"). Dal 2008 contribuisce al rilancio di "Chi l'ha visto?", programma di cui è tuttora responsabile. Ludovico Di Meo, già vice direttore di Rai1, è stato per anni responsabile dei programmi del mattino. Proprio a Uno Mattina è stato programmista regista, poi presentatore-autore e conduttore del tg all'interno dello stesso programma. Silvia Calandrelli, laureata in Filosofia, inizia a collaborare in Rai come programmista regista nel 1989. Autrice e regista per Radio2  e Radio3, nel 1995 collabora a Videosapere e Rai Educational. Nel 1999 è alla Direzione Teche e Servizi Tematici/Educativi, e l'anno successivo è chiamata a dirigere l'area Contents Entertainment di Rai Net. Nel 2006 riceve l'incarico di operare nella Direzione di Rai 3. Da giugno 2014 è Direttore di Rai Cultura.

Le parole di Michele Anzaldi

Contattato da Fanpage.it, Michele Anzaldi ha preso relativamente con le pinze l'indiscrezione. Il segretario della Commissione Vigilanza (Italia Viva) ha dichiarato: "Non la penso bene su quello che stanno facendo. Se hai un'emergenza e vuoi cambiare le cose dovresti cambiare Foa, che dal primo giorno diciamo che è illegittimo e che è il simbolo del sovranismo di un partito che non è più al governo. È l'espressione di un partito che non c'è più. Mi sembra una cosa gattopardesca, cambiare tutto per non cambiare nulla".