509 CONDIVISIONI
13 Agosto 2020
10:55

Nina Palmieri: “Ti vedo e piango in silenzio. Oggi ti festeggiamo, tanto bene ovunque tu sia”

Nina Palmieri, una delle tre conduttrici e giornaliste de Le Iene chiamate al bancone del noto programma per sostituire la collega Nadia Toffa, ha scritto un commovente post su Instagram. Foto di una vita lavorativa accompagnate da parole legate a ricordi profondi, che tornano alla mente oggi, a un anno di distanza, per un momento di profondo dolore ma anche di gioia per i festeggiamenti che stasera le verranno dedicati in tv.
A cura di Eleonora D'Amore
509 CONDIVISIONI

Nina Palmieri, una delle tre conduttrici e giornaliste de Le Iene chiamate al bancone del noto programma per sostituire la collega Nadia Toffa, ha scritto un commovente post su Instagram. Foto di una vita lavorativa accompagnate da parole legate a ricordi profondi, che tornano alla mente oggi, a un anno di distanza, per un momento di profondo dolore ma anche di gioia per i festeggiamenti che stasera le verranno dedicati in tv.

13 agosto 2019 h: 7.40. Un messaggio whatsapp da chi ti amava e stimava tanto: “Nadia se n’è andata”. Si ferma tutto, anche il mio respiro. Chiudo gli occhi e ti vedo. Ti vedo in redazione, al telefono, nella stanza che abbiamo diviso per un anno con i piedi sulla scrivania e le tue gambe magre infilate in un paio di jeans da maschio, ti vedo per i corridoi in divisa mentre scappi con Marco ad affrontare chissà quale stronzo, ti vedo avvolta in un maglione pesantissimo mentre io schiumo per il caldo degli uffici milanesi perché hai sempre freddo, ti vedo dire “Dimmi Ninetta”, sederti e ascoltarmi con attenzione a un cm dal mio nasone mentre ti racconto di un possibile servizio “che puoi fare solo tu” (e poi l’hai fatto e sei stata come al solito perfetta), ti vedo mangiare le ciambelline al vino fatte dalla mia mamma e arrivate dall’Abruzzo a Cologno solo per te, ti vedo dirmi con la bocca piena “Mandiamole una foto per dirle grazie… mmmmm che buoneee!”, ti vedo pure un giorno in cui mi sei stata un po’ sulle palle ma poi è passato subito, ti vedo in fila da Davide per ore per avere “udienza” e “Nadia ce conviene farci una partitina a tressette”, ti vedo emozionatissima e per la prima volta truccata bene -e non con quell’improbabile trucco fai da te che ci contraddistingue- la sera del tuo debutto come conduttrice, ti vedo bere felice il terzo (o quarto?) bicchiere ad un aperitivo dove io arrivo ovviamente in ritardo, ti vedo ridere con la tua risata rumorosissima (pure quella con l’accento bresciano)… ti vedo e piango in silenzio. Mi succede sempre. Ti vedo… e mi piace pensare che non te ne sei andata veramente. Oggi un po’ si piange, ma solo un po’. Oggi ti festeggiamo Toffa. Tanto bene, ovunque tu sia. ❤️ #leienepernadia #nadiatoffa #leiene

13 agosto 2019 h: 7.40. Un messaggio whatsapp da chi ti amava e stimava tanto: “Nadia se n’è andata”. Si ferma tutto, anche il mio respiro. Chiudo gli occhi e ti vedo. Ti vedo in redazione, al telefono, nella stanza che abbiamo diviso per un anno con i piedi sulla scrivania e le tue gambe magre infilate in un paio di jeans da maschio, ti vedo per i corridoi in divisa mentre scappi con Marco ad affrontare chissà quale stronzo, ti vedo avvolta in un maglione pesantissimo mentre io schiumo per il caldo degli uffici milanesi perché hai sempre freddo, ti vedo dire “Dimmi Ninetta”, sederti e ascoltarmi con attenzione a un cm dal mio nasone mentre ti racconto di un possibile servizio “che puoi fare solo tu” (e poi l’hai fatto e sei stata come al solito perfetta), ti vedo mangiare le ciambelline al vino fatte dalla mia mamma e arrivate dall’Abruzzo a Cologno solo per te, ti vedo dirmi con la bocca piena “Mandiamole una foto per dirle grazie… mmmmm che buoneee!”, ti vedo pure un giorno in cui mi sei stata un po’ sulle palle ma poi è passato subito, ti vedo in fila da Davide per ore per avere “udienza” e “Nadia ce conviene farci una partitina a tressette”, ti vedo emozionatissima e per la prima volta truccata bene -e non con quell’improbabile trucco fai da te che ci contraddistingue- la sera del tuo debutto come conduttrice, ti vedo bere felice il terzo (o quarto?) bicchiere ad un aperitivo dove io arrivo ovviamente in ritardo, ti vedo ridere con la tua risata rumorosissima (pure quella con l’accento bresciano)… ti vedo e piango in silenzio. Mi succede sempre. Ti vedo… e mi piace pensare che non te ne sei andata veramente. Oggi un po’ si piange, ma solo un po’. Oggi ti festeggiamo Toffa. Tanto bene, ovunque tu sia. ❤️ #leienepernadia #nadiatoffa #leiene

A post shared by Giovanna Nina Palmieri (@ninadettaquella) on

Veronica Ruggeri e Roberta Rei, i ricordi delle altre due Iene

Più laconiche ma non meno incisive nei ricordi, le altre due Iene giornaliste diventate conduttrici all'improvviso: Veronica Ruggeri e Roberta Rei. La prima ha condiviso una foto di Nadia Toffa che afferra simbolicamente un sole al tramonto, scrivendo semplicemente il nome dell'amica e collega accompagnato da un cuore. Roberta Rei invece aveva affidato le sue emozioni a un'intervista sull'HuffPo: "Per sostituirla alla conduzione de Le Iene sono servite le energie di tre donne" ha dichiarato, condividendo su Instagram, stamattina, solo una foto di Nadia con un hula hop e un girasole come didascalia.

Nadia❤️

A post shared by VERONICA RUGGERI (@veroruggeri) on

🌻 #nadiatoffa

A post shared by Rei (@_robertarei_) on

509 CONDIVISIONI
Le Iene omaggiano Nadia Toffa: "Oggi avresti compiuto 41 anni, ci manchi tanto"
Le Iene omaggiano Nadia Toffa: "Oggi avresti compiuto 41 anni, ci manchi tanto"
Francesco Gabbani operato alle corde vocali: "Sto bene e non vedo l'ora di tornare"
Francesco Gabbani operato alle corde vocali: "Sto bene e non vedo l'ora di tornare"
Nicola di Uomini e Donne: "Ho avuto un incidente. Pesavo 30 chili, volevano amputarmi le gambe"
Nicola di Uomini e Donne: "Ho avuto un incidente. Pesavo 30 chili, volevano amputarmi le gambe"
Gaetano Curreri ha superato l'infarto, gli Stadio informano i fan sulle condizioni di salute
Gaetano Curreri ha superato l'infarto, gli Stadio informano i fan sulle condizioni di salute
Il malore durante un concerto e il ricovero in terapia intensiva
music
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni