Maria Teresa Ruta ha vissuto di nuovo un momento di grande sconforto. Tommaso Zorzi ha tentato di tranquillizzarla, invitandola a confidarle il suo stato d'animo e ammettendo: "Oggi avevi lo sguardo un po' perso". L'influencer, poi, le ha fatto una domanda secca: "Vuoi uscire Mary?". La giornalista è scoppiata a piangere. Anche lei sta vivendo male la notizia del prolungamento del reality.

Maria Teresa Ruta medita di lasciare il GF Vip

Maria Teresa Ruta ha spiegato: “Starei qua ma mi sento egoista. Mia mamma non la vedo dal 2 luglio. Sento che comincio a non essere più serena". Ha ammesso di non riuscire a esprimere ciò che sta provando. Arrivata a questo punto e con questo stato d'animo, preferirebbe guardare le ultime puntate del reality sul divano con sua madre:

"Non lo so come mi sento. Provo smarrimento. Mia mamma magari è anche contenta (che lei sia al Gf Vip, ndr) però io non la vedo. Ci vediamo le ultime puntate a casa, sul divano, e va bene lo stesso. A lei che le frega che ci sia io, l'importante è che ci sia il Grande Fratello (ride, ndr). Li ha visti tutti, che ci sia un concorrente o l'altro… Poi è contenta di me, figurati. Ne dirà di tutti i colori".

Le lacrime di Maria Teresa per i drammi della sua vita

Maria Teresa, senza riuscire a smettere di piangere, ha spiegato di essere stata felice di aver riabbracciato la figlia Guenda. Tuttavia, le sarebbe piaciuto parlare con suo fratello. Poi, si è subito rimproverata: "Come può un genitore dire una cosa simile. Mi mancano tutti, mi mancano tanto tutti. Questo mio modo di essere toglie qualcosa a loro". Infine, ha spiegato che per lei è sempre stato difficile affrontare il mese di gennaio, perché in questo mese, in passato, sono avvenuti degli episodi drammatici e difficili per lei da superare:

"A gennaio è un mese brutto per me. Ho sempre paura quando arriva la fine di settembre, per un paio di episodi, incidenti, la perdita del mio primo figlio. È un mese che mi angoscia, non finisce mai, non mi ha mai portato bene gennaio. Io non sono una vigliacca, non voglio mollare".