Rivoluzione nella saga di Star Wars, che sdogana per la prima volta l'omosessualità dichiarata. Non nei film (il prossimo capitolo, "L'ascesa di Skywalker", sarà in sala a dicembre), bensì in una serie televisiva animata già in onda. In "Star Wars: Resistance", i personaggi di Orka Flix, alieni gestori di un negozio sulla piattaforma Colossus, rispettivamente appartenenti alle razze Chadra-Fan e Gozzo, sono una coppia gay. Il dubbio era già venuto agli spettatori, ora chiarito dai produttori esecutivi Athena Portillo, Justin Ridge e Brandon Auman.

La svolta di Star Wars Resistance

Il trio di produttori lo ha confermato nel podcast Coffee With Kenobi in vista del lancio della seconda stagione della serie (negli Usa dal 6 ottobre, in Italia non c'è ancora una data ufficiale): "Sono assolutamente una coppia gay e ne siamo orgogliosi". Da notare la scelta coraggiosa di proporre personaggi omosessuali in una serie rivolta a un pubblico di ragazzi. "Star Wars Resistance", creata da Dave Filoni, è la quarta serie canonica del franchise dopo "The Clone Wars", "Rebels" e "Forces of Destiny". Graficamente ispirata agli anime giapponesi, è ambientata nell'epoca della trilogia sequel (ovvero dei film "Il risveglio della Forza", "Gli ultimi Jedi" e "L'ascesa di Skywalker"). Precisiamo che esistono già alcuni personaggi gay nei fumetti e nei romanzi di Star Wars editi in Italia (come la Dottoressa Aphra), ma Orka e Flix sono i primi (ufficiali) ad apparire in serie o film.

Le prossime serie tratte da Star Wars

Con lo sbarco imminente della piattaforma Disney+ (negli Usa a novembre, in Italia nel primo quadrimestre del 2020), le serie dedicate a Star Wars sono destinate ad aumentare e saranno finalmente in live action. Vedremo "The Mandalorian", una serie con Ewan McGregor di nuovo nei panni di Obi-wan Kenobi e un'altra con protagonista il Cassian Andor (Diego Luna) di "Rogue One".