Storia e fiction si mescolano alla perfezione nell’ultima serie tv targata Sky: “Das Boot” apre la programmazione di Sky Atlantic del 2019 a partire dal 4 gennaio alle 21:15. Lo show, che si compone di otto episodi, è disponibile anche su Sky On Demand. Ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, racconta le vicende del sottomarino tedesco U-612, salpato dal porto di La Rochelle in Francia per il suo viaggio inaugurale, e della resistenza francese all’occupazione nazista nello stesso comune della costa atlantica francese, con un cast di tutto rispetto e una trama ricca di sorprese e senza esclusione di colpi. Ha già avuto a livello internazionale un successo tale che ne è stato annunciato il rinnovo per la seconda stagione, le cui riprese cominceranno nei prossimi mesi.

Dal libro alla serie il passo è breve: cosa aspettarsi da Das Boot

“Das Boot” come il film del 1981 U-Boot 96 di Wolfang Petersen che ottenne sei nominations agli Oscar, si basa sui romanzi “Das Boot” e “Die Festung” di Lothar-Günther Bucheim, in cui viene raccontata l’occupazione nazista in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale attraverso il tormento emotivo dei soldati che combattono per la loro sopravvivenza: in particolare, la storia è ambientata nel 1942, quando le battaglie dei sommergibili U-boot sono sempre più frequenti e sanguinosi.

Tra questi prodigi dell’ingegneria, l’U-612 è pronto a salpare dalle coste francesi per la sua missione inaugurale nell’Atlantico. A bordo 40 uomini della Marina tedesca condividono ansie, paure, tensioni e gli angusti e claustrofobici spazi del sottomarino. È qui che si svolgono la maggior parte delle vicende dello show, ma senza dimenticare la Resistenza che nel frattempo insorge nel porto di La Rochelle. Insomma, è una delle più grandi avventure televisive dell’anno appena cominciato da non perdere.

Nel cast volti noti agli amanti del piccolo schermo

A dare voce e corpo ai protagonisti della nuova serie prodotta da Sky c’è un cast stellare e ben noto agli amanti del piccolo schermo. Da Lizzy Caplan, famosa per “Master of Sex”, che interpreta la misteriosa Carla Monroe, a Tom Wlaschiha, che qui è Hagen Forster ma che il grande pubblico ricorderà per aver vestito i panni di Jaqen H'ghar ne “Il Trono di Spade”, fino a Vicky Krieps (“Il filo nascosto”), che qui è la protagonista Simone Strasser, si raggiungono livelli altissimi. Accanto a loro anche Rick Okon (“Tatort”), Vincent Kartheiser (“Mad Men”), August Wittgenstein (“The Crown”), Rainer Bock (“Bastardi senza gloria”) e Leonard Scheider (“Finsterworld”).

Tensione emotiva in una guerra senza senso: il fil rouge dello show

Tutte le vicende raccontate in “Das Boot” si muovono sul filo sottile del fanatismo cieco che spinge i giovani a una guerra senza senso, raccontata dalla prospettiva di soldati tedeschi e francesi impegnati a combattere via mare e via terra. Tra gli elementi più peculiari della nuova serie tv Sky c’è pertanto il multilinguismo dei protagonisti, chiamati a raccontare l’esperienza di sopravvivenza nella propria lingua, a sottolineare il rapporto di quei giorni tra la cultura militare tedesca e la resistenza del paese oppresso, in questo caso la Francia.

Film di guerra e thriller di spionaggio

“Das Boot” ha già ottenuto un grande successo di pubblico e di critica: basti pensare che in Germania, il primo paese in cui è stata distribuita, è diventata in una sola settimana di programmazione una delle serie più viste di sempre. Il motivo lo spiega il regista Andreas Prochaska, secondo il quale “forse l’interesse nei confronti dello show è dovuto al fatto che l’occupazione tedesca in Europa è ancora un tema forte, e non solo per i tedeschi”. Una produzione di altissimo livello, che mescola insieme giallo, film da guerra e thriller di spionaggio e che si inserisce nel solco di altre grandi serie targate Sky, da “Babylon Berlin” a “Gomorra” passando per “The Young Pope”.