"Harry Potter e il calice di fuoco" è il quarto film della serie cinematografica tratta dai romanzi di J.K. Rowling. In questo film. finalmente il nemico numero uno di Harry Potter risorge, con la complicità di Peter Minus alias Codaliscia (interpretato da Timothy Spall), e inizia così una lunga battaglia contro di lui. Non è il primo film in cui appare, ma è la prima volta in cui il ruolo viene definitivamente affidato a Ralph Fiennes.

La storia del personaggio di Voldemort

Lord Voldemort compare in tutti i film tranne che nel terzo, "Harry Potter e il prigioniero di Azkaban", ma è solo nel quarto film che viene interpretato da Ralph Fiennes. Nel primo film, "Harry Potter e la pietra filosofale" , è lo stesso attore interprete di Quirinus Raptor, ovvero Ian Hart, a interpretare il Signore Oscuro, come secondo volto "parassita". In "Harry Potter e la camera dei segreti" il Signore Oscuro è da giovane: è il Tom Riddle interpretato da Christian Coulson. Il giovane Tom Riddle appare anche in diversi flashback nella sua forma umana originaria in "Harry Potter e il principe mezzosangue", qui interpretato da Frank Dillane e da Hero Fiennes-Tiffin, nipote di Ralph Fiennes.  Dal quarto film, c'è Ralph Fiennes che decide di accettare quel ruolo solo dopo le pressioni di sua sorella.

Perché Ralph Fiennes accettò il ruolo di Voldemort

È una leggenda nota ai maggiori appassionati di Harry Potter. Ralph Fiennes decise di interpretare il personaggio del Signore Oscuro soltanto dopo le pressioni di sua sorella, che aveva i figli appassionati e fan della saga letteraria. Il Voldemort di Ralph Fiennes appare leggermente diverso rispetto ai libri, non ha gli occhi azzurri di Ralph Fiennes ma rossi con pupille verticali, come un serpente. Stando ai fan, l'interpretazione di Fiennes è troppo "comica" rispetto a quanto descritto sui libri.