Le modifiche che si sono rese necessarie per i palinsesti televisivi a causa dell’epidemia di Coronavirus in Italia potrebbero presto interessare anche il Grande Fratello Vip. Mentre cresce il numero dei contagiati, i vari editori televisivi hanno modificato le offerte proposte al pubblico. Sono diverse le trasmissioni Mediaset che non andranno in onda a favore della necessità di favorire l’informazioni in tv. E il Grande Fratello Vip, chiaramente, non costituirà zona franca.

Le modifiche previste per il Grande Fratello Vip

Sebbene il Lazio non rientri tra le regioni facenti parte della zona 1 – Il Gf Vip va in onda da Cinecittà a Roma – le trasmissioni televisive si sono uniformate al modello di messa in onda senza pubblico. Per questo motivi la prossima puntata del reality show condotto da Alfonso Signorini andrà in onda senza spettatori in studio e perfino senza conduttore. Secondo 361magazine, sito molto vicino a Signorini, il direttore di Chi starebbe valutando l’ipotesi di condurre direttamente dall’hotel all’interno del quale alloggia. Signorini e gli opinionisti Pupo e Wanda Nara vivono a Milano e si spostano a Roma contestualmente alle puntate del GF Vip. Al momento tali spostamenti non sono possibili, per effetto del dpcm che vieta di entrare e uscire dalla Lombardia e da altre 14 province italiane. È per questo motivo che Signorini e la sua squadra starebbero mettendo a punto una strategia che permetta alla squadra di lavoro di andare avanti con il reality fino ad aprile, come preventivato.

I concorrenti informati sulla reale situazione in Italia

Ai concorrenti del Grande Fratello Vip è stato raccontato solo parzialmente quanto sta accadendo in Italia. Sanno del Coronavirus ma non sono stati messi precisamente al corrente di quanto sia pesante l’atmosfera che si respira fuori dalla Casa. Non sanno a quanto ammonta il numero di contagiati e potrebbero non avere compreso quanto sia grave e senza precedenti l’emergenza sanitaria che sta vivendo il nostro paese. La produzione del GF Vip, dunque, starebbe valutando l’idea di raccontare tutto ai concorrenti per poter dare a ognuno di loro la possibilità di decidere in merito al loro futuro nel gioco.