La produzione del Grande Fratello Vip informerà i concorrenti dell'emergenza Coronavirus in corso. La decisione è stata comunicata a pochi minuti dall'inizio della quattordicesima puntata del reality di Canale 5 condotto da Alfonso Signorini: "Durante la puntata – specifica un comunicato – il conduttore entrerà nella casa insieme all'infettivologo Alessandro D'Avino, così da fornire loro tutte le informazioni e rispondere alle domande che gli inquilini del loft di Cinecittà vorranno fargli".

Il GF Vip in onda regolarmente e col pubblico in studio

La quattordicesima puntata del Grande Fratello Vip andrà in onda regolarmente e con il pubblico in studio, a dispetto di quanto stia accadendo per alcuni programmi Mediaset ("Live – Non è la d'Urso", "Le Iene", "Tiki Taka") trasmessi dagli studi televisivi di Milano, precisamente da Cologno Monzese, costretti ad andare in onda a porte chiuse, onde evitare il rischio contagio. Il reality di Canale 5 è esente dalle disposizioni valide per Veneto e Lombardia perché trasmesso da Cinecittà, a Roma, dove si trovano sia la casa che lo studio del Grande Fratello Vip.

Stravolto il regolamento del GF Vip

Il tema Coronavirus, vista l'inattesa accelerazione del contagio in Italia, sta inevitabilmente invadendo i palinsesti, imponendosi come tema dominante in qualsiasi genere di programma. Per il Grande Fratello si tratta di una situazione ancora più anomala, dato che il regolamento, come noto, vuole che i concorrenti vengano totalmente isolati rispetto a quanto accade all'esterno. Rarissimi i casi in cui la produzione si sia sentita in dovere di tenere gli inquilini al corrente di quanto stesse accadendo fuori. Nel 2001 gli inquilini dell'edizione "nip" vennero avvertiti dell'entrata in guerra dell'Italia in Iraq. Diverse poi le invasioni di campo del calcio, sia con le partite di serie A nella seconda edizione che con quelle di Champions League nel 2015.