“Il Teatro Ariston di #Sanremo è un teatro come tutti gli altri e quindi, come ha chiarito ieri il ministro @robersperanza, il pubblico, pagante, gratuito o di figuranti, potrà tornare solo quando le norme lo consentiranno per tutti i teatri e cinema. Speriamo il prima possibile”. Sono le parole di Dario Franceschini, il ministro dei Beni culturali e del Turismo. Parole pesanti che stanno producendo una serie di reazioni a catena, tra tutte, la possibilità che Amadeus lasci la conduzione del Festival, stando a quanto apprende Fanpage.it

Cosa dice l'ultimo dpcm

L'ultimo dpcm sulla sicurezza all'interno delle trasmissioni televisive, in realtà, sconfessa quanto dichiarato dal ministro Franceschini. Del resto, il pubblico in televisione è ammesso ed è da mesi che le registrazioni vanno avanti. Ecco un brano del dpcm sull'argomento:

Le trasmissioni televisive, in diretta o registrate, possono svolgersi in presenza di pubblico (comparse, figuranti, ospiti)?
Sì, in quanto alle trasmissioni televisive non si applica il divieto previsto per gli spettacoli, perché la presenza di pubblico in studio rappresenta soltanto un elemento “coreografico” o comunque strettamente funzionale alla trasmissione. Deve essere comunque sempre garantito il rispetto delle prescrizioni sanitarie, nonché quelle in materia di distanziamento interpersonale sia fra il pubblico o gli ospiti, sia fra il personale artistico e il pubblico o gli ospiti medesimi. Qualora, per ragioni di produzione, non fosse possibile garantire continuativamente la distanza interpersonale di almeno un metro tra il pubblico e il personale artistico, sarebbe in ogni caso obbligatorio indossare la mascherina. Per quanto concerne le modalità lavorative del personale artistico, si rinvia ai relativi protocolli professionali e alle relative interpretazioni dei ministeri di settore.