La prima puntata del Grande Fratello Vip, arrivato alla sua quarta edizione, è andata in onda mercoledì 8 gennaio 2020 e fin da subito si sono verificate situazioni a dir poco esilaranti. Come ogni edizione, c'è qualcuno che sin dalla prima sera si trova a dover provare la tensione della nomination. Stavolta è toccata a Fabio Testi.

Fabio Testi eliminato va nel Tugurio

Il nome di Fabio Testi tra coloro che potessero prendere parte a questa quarta edizione del programma non era tra quelli più forti circolati ancor prima dell'inizio della trasmissione, eppure l'attore è stato scelto tra coloro che dovevano entrare nella casa più spiata d'Italia. La sua permanenza, però, è durata davvero poco. Nel corso della prima serata, una volta entrati tutti i concorrenti, ecco che arriva il momento della prima nomination, con la quale si è dovuto stabilire chi avrebbe lasciato immediatamente la casa, trattasi proprio di Fabio Testi. Ma il colpo di scena arriva adesso, il 78enne, infatti non è stato cacciato definitivamente dal gioco, ma è finito nel tugurio, dove può godere dell'allegra compagnia dei cosiddetti Highlanders, i quattro ex concorrenti del Grande Fratello delle prime edizioni, che hanno deciso di partecipare a quella in salsa vip, ovvero Pasquale La Ricchia, Patrick Ray Pugliese, Sergio Volpini e Salvo Veneziano.

La battuta sessista di Fabio Testi

Entrato nel tugurio Fabio Testi è stato accolto scherzosamente dai quattro che hanno immediatamente familiarizzato con l'attore, e tra una battuta e l'altra Sergio Volpini si chiede: "Ma mi domando come mai l'hanno buttato fuori? Non capisco". A questo punto il fresco eliminato non esita a rispondere per le rime, senza rendersi conto, però, che la sua risposta potrebbe procurargli qualche problema, infatti dice: "Avevano paura di essere violentate" accompagnando il tutto con una fragorosa risata. Una battuta piuttosto sessista, che va a toccare un tema delicato come la violenza sulle donne e che potrebbe costargli anche la partecipazione al programma, viste le regole ferree a cui si sono attenuti nelle precedenti edizioni.