"Mahmood ha appena vinto il Festival di Sanremo. La dimostrazione che l'incontro di culture differenti genera bellezza" ha scritto Elisa Isoardi sui suoi social. Una frase che creerà scompiglio dal momento che arriva dall'ex compagno del Ministro degli Interni che poco prima, aveva commentato anche lui il Festival di Sanremo facendolo in maniera opposta. Il 69° Festival della canzone italiana se l'è aggiudicato proprio il cantante milanese ma di origini sarde e marocchine con la canzone "Soldi" ma Salvini avrebbe preferito che vincesse Ultimo con la sua "I tuoi particolari": "Mahmood…….. mah….. La canzone italiana più bella?!? Io avrei scelto Ultimo, voi che dite?" aveva scritto il Vicepremier.

Uno scontro social o, meglio, divergenze di vedute che da musicali si traducono in sociali e politiche, stando a questi tweet. Se quello di Salvini lo si può interpretare in vari modi, a seconda della malizia che uno ci vuole mettere, infatti, quello della conduttrice televisiva è esplicito, chiaro, senza alcun tipo di fraintendimento. Quello della Isoardi, infatti, non è un tweet musicale, non c'è nulla di musicale, ma un messaggio chiara di apertura alle altre culture e all'importanza dell'incontro tra culture.

Mahmood è stato il vincitore a sorpresa di questo 69° Festival di Sanremo. Il ragazzo milanese ha seguito la vittoria di Ermal Meta e Fabrizio Moro che lo scorso anno si aggiudicarono la kermesse con "Non mi avete fatto niente". Quella di Mahmood è la vittoria di Claudio Baglioni che ha voluto un'apertura a nuovi suoni, quest'anno, ed è riuscito a portarli fino al massimo risultato. Il cantante in conferenza stampa ha scartato le domande politiche e ha voluto rendere omaggio ai suoi due produttori: Dario Faini e Charlie Charles.