5.489 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2019
10 Febbraio 2019
01:38

Il Festival di Sanremo celebra se stesso: Mahmood è la più grande vittoria di Claudio Baglioni

È Mahmood il vincitore del 69° Festival di Sanremo seguendo alla coppia formata da Ermal Meta e Fabrizio Moro. La vittoria di Mahmood è anche la vittoria di Claudio Baglioni, che aveva scommesso su questo ragazzo e su Sanremo Giovani; una scommessa vinta dal direttore, come ha dimostrato questo primo posto e l’accoglienza di questa canzone.
A cura di Francesco Raiola
5.489 CONDIVISIONI
Mahmood (LaPresse)
Mahmood (LaPresse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2019

"Nessuno saprà se in questo Festival c'è troppo spettacolo o troppo concorso" ha detto Baglioni introducendo l'ultima serata del 69° Festival di Sanremo prima di augurarsi che sia stato, alla fine un buon festival. Anche questo Festival ce lo siamo messi alle spalle e ancora una volta abbiamo dovuto confrontarci per cinque serate con musica, polemiche, sketch e tutto quello che alla fine ci porta ogni anno a guardare il Festival, uno dei pochi programmi, ormai, a potersi permettere quella mole di telespettatori, nonostante i cali.

Mahmood è il vincitore, ma per un secondo abbiamo rischiato. Ancora una volta è stato un outsider a vincere il Festival, come successo con Francesco Gabbani due anni fa con un percorso simile. Mahmood è una vittoria di Baglioni, della sua idea di Festival, di questa volontà di tentare una strada diversa e anche del suo Sanremo Giovani da cui proviene Mahmood. Spiace per Ultimo, anche lui "creatura baglioniana" e anche lui in linea con l'idea del direttore, che avrebbe meritato per quello che ha fatto. Mentre lui potrà consolarsi con tutti i sold out del tour per Mahmood comincia una nuova avventura.

Questa sera, insomma il festival celebra se stesso: "Ha vinto la musica, hanno vinto le speranze e coloro che confidano in quello che accadrà domani", è un'altra delle frasi detta all'inizio dal conduttore. Su questa cosa ci sentiamo di essere d'accordo, perché se lo spettacolo in più punti ha lasciato a desiderare e qualche volta è stato anche un po' noioso, l'impianto musicale – quindi oltre la singola canzone – ha dato una scossa all'idea a quello che solitamente siamo abituati ad associare al Festival: la canzone sanremese di cui spesso si parla, quella della melodia e del bel canto, ma fin da subito si è capito che i suoni erano più contemporanei del solito, anche i testi erano più lavorati, almeno nella grande maggioranza, meno cuore/amore con un bel po' di sorprese, almeno per chi non segue puntualmente quello che succede nella musica italiana contemporanea e Mahmood, appunto, è il giusto finale. Da questo momento possiamo ricominciare il totoconduttore per il 2020.

5.489 CONDIVISIONI
529 contenuti su questa storia
I tatuaggi di Francesco Sarcina
I tatuaggi di Francesco Sarcina
8.200 di Stile e trend
Il bel messaggio di Mahmood per Napoli
Il bel messaggio di Mahmood per Napoli
Lorella Cuccarini: “Mahmood vincitore di Sanremo 2019? Più spazio al televoto del pubblico"
Lorella Cuccarini: “Mahmood vincitore di Sanremo 2019? Più spazio al televoto del pubblico"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni