775 CONDIVISIONI
15 Luglio 2016
22:18

Dopo la strage a Nizza, ‘Bastardi senza gloria’ lascia il posto a ‘Mamma ho perso l’aereo’

All’indomani dell’orribile attentato francese, Italia 1 sceglie di cancellare il film di Quentin Tarantino, ritenuto evidentemente troppo violento e rimpiazzato dai buoni sentimenti di Mamma ho perso l’aereo, paradossalmente un film di Natale trasmesso il 15 luglio. Scelta discutibile, censura o decisione giusta, per esorcizzare con una risata la paura che ci domina di fronte all’orrore?
A cura di Valeria Morini
775 CONDIVISIONI

Nel vorticoso cambio di palinsesti di queste ore, reso necessario per seguire la strage che ha sconvolto Nizza la sera del 14 luglio, stupisce una curiosa scelta operata da Italia 1: era infatti prevista la messa in onda "Bastardi senza gloria", improvvisamente sostituita da una replica di "Mamma ho perso l'aereo".

Insomma, il capolavoro di Quentin Tarantino lascia spazio, incredibilmente, a uno dei film di Natale per eccellenza, immergendo il pubblico tra la neve e le luci del 25 dicembre, anche se siamo al 15 di luglio. Facile immaginare le motivazioni di Mediaset: all'indomani del terribile attentato consumatosi a Nizza, che ha lasciato sul terreno 84 morti e moltissimi feriti, la violenza esplicita e ironica, spesso politicamente scorretta, di Tarantino è apparsa evidentemente inadatta a una messa in onda in prima serata.

Se censure e moralismi sono solitamente nocivi, in questo caso è innegabile come la pur splendida pellicola con Brad Pitt (storia di un manipolo di soldati ebrei americani in missione segreta contro i nazisti) fosse inadatta a un momento in cui sangue e cadaveri (autentici) vengono trasmessi da ieri sera in ogni canale tv. Si potrebbe semmai obiettare sul fatto che la televisione dovrebbe ridurre le immagini di violenza reale, anziché quelle finzionali, ma questa è un'altra storia.

Il film in onda anche dopo la strage di Parigi

Una curiosità: "Mamma ho perso l'aereo" venne mandato in onda anche il giorno dopo gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre. In quel caso, il film era già programmato e si scelse di non sostituirlo; paradossalmente, allora fece discutere la scelta di Italia 1 di trasmettere la commedia di Chris Columbus al posto di un contenuto dedicato alla strage. Alla luce del cambio odierno, la rete Mediaset sembra ribadire la volontà di offrire al pubblico una possibilità di evasione e intrattenimento, di fronte a tragedie di cronaca come gli attentati francesi.

Le reazioni del pubblico: "Finalmente una buona notizia"

Come ha reagito il pubblico al cambio deciso all'ultimo momento? Solo pochi giorni fa, in occasione di un altro dramma come lo scontro di treni in Puglia, la sostituzione di "Temptation Island" con un film aveva scatenato incredibili proteste di cattivo gusto da parte alcuni spettatori, in una profusione di commenti web a dir poco discutibili (peraltro Temptation Island" è stata nuovamente rinviata questa sera per lasciare spazio a uno speciale del Tg5).

Anche in questo caso, qualcuno è apparso infastidito, ma i toni dei cinefili fan di Tarantino sono decisamente diversi. A prevalere è lo sconcerto di fronte alla messa in onda di un film natalizio "un attimino" fuori stagione (benché se il recente calo delle temperature non sia esattamente da estate torrida). In questo caso, insomma, dominano l'ironia e l'effetto nostalgia verso quello che resta uno dei classici cinematografici più amati di sempre. Forse anche per esorcizzare con una risata la paura che domina le nostre menti di fronte all'orrore che si è consumato ancora una volta a pochi passi da noi.

775 CONDIVISIONI
Diane Kruger, la diva di “Troy” e “Bastardi senza gloria” compie 40 anni
Diane Kruger, la diva di “Troy” e “Bastardi senza gloria” compie 40 anni
"Mamma ho perso l'aereo" spegne 25 candeline, le foto del cast ieri e oggi
39.947 di Spettacolo Fanpage
10 cose di “Bastardi senza gloria” che ancora non sapevate
10 cose di “Bastardi senza gloria” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni