1.227 CONDIVISIONI
20 Marzo 2020
11:59

Coronavirus, le serie tv Grey’s Anatomy e The Resident donano mascherine e materiali agli ospedali

Alcuni dei più noti medical drama tra le serie televisive americane si mobilitano per aiutare gli ospedali americani che in questo momento difficile sono alle prese con l’emergenza coronavirus, donando le loro scorte di oggetti di scena. Station 19, spin off di Grey’s Anatomy, ha offerto mascherine alla locale caserma dei pompieri.
A cura di Valeria Morini
1.227 CONDIVISIONI

Anche le serie tv si mobilitano per aiutare gli ospedali in questi giorni di crisi sanitaria globale dovuta alla diffusione del Coronavirus. In particolare, si segnala il contributo di alcuni celebri medical drama: "Grey's Anatomy" e "The Resident" hanno donato materiale medico alle strutture sanitarie americane, per far fronte alle loro esigenze in questo momento di emergenza. Le produzioni hanno regalato le scorte di mascherine e guanti, che da semplici oggetti di scena diventano così preziosi dispositivi in un momento in cui ce n'è estremo bisogno.  Significativo anche l'aiuto di "Station 19", spin-off di "Grey's Anatomy" che racconta le vite di un gruppo di vigili del fuoco di Seattle: la produzione ha donato mascherine a una caserma di pompieri. Ha raccontato Krista Vernoff, produttrice esecutivo di "Grey's Anatomy" e "Station 19".

A "Station 19", abbiamo avuto la fortuna di avere circa 300 delle ambite maschere N95 che abbiamo donato alla nostra caserma dei pompieri locale. Erano tremendamente grati.  A "Grey's Anatomy", abbiamo anche una scorta di abiti e guanti che stiamo donando. Siamo tutti pieni di gratitudine per i nostri operatori sanitari durante questo periodo incredibilmente difficile e, oltre a queste donazioni, stiamo facendo la nostra parte per aiutarli restando a casa.

La donazione da The Resident

La dottoressa Karen Law, reumatologa presso il Grady Memorial Hospital di Atlanta, ha svelato che i produttori della serie Fox "The Resident" (in onda lo scorso anno su Rai1) hanno inviato "tutto ciò di cui i nostri operatori sanitari hanno bisogno per fornire assistenza sicura alla nostra comunità durante l'emergenza COVID19. Ieri parlavo con gli specializzandi riguardo al fatto che, sebbene le scorte fossero scarse, difficilmente sarebbe arrivata una spedizione di mascherine per magia. E invece, la magia è avvenuta, sotto forma di un gesto molto generoso, Questo tipo di supporto per la comunità significa molto per i nostri fornitori che stanno facendo molti sacrifici per il personale dei nostri ospedali e per la cura della nostra comunità".

L'appello di Elleon Pompeo Grey's Anatomy

Proprio "Grey's Anatomy" è una delle serie la cui produzione è stata bloccata a causa delle misure di sicurezza prese per contrastare l'emergenza coronavirus. Ellen Pompeo, volto cardine dello show, ha rivolto un commosso messaggio ai medici e agli infermieri di tutto il mondo: "Molto di noi hanno il privilegio di mettersi in auto-isolamento o quarantena per cercare di restare al sicuro, ma nessuno di voi ha questo privilegio. Voi dovete essere in prima linea di fronte a questa situazione. Ciò che adesso è sicuramente terribile lo sarà di più nella prossime settimane. Quindi, questo è un messaggio da me e dalla mia famiglia a tutti voi, per dirvi grazie. Vi apprezziamo, vi vogliamo bene. State al sicuro. Gli infermieri sono grandi, i dottori sono grandi, chiunque lavori in un ospedale o nell'industria della sanità è grande. Vi vogliamo bene, state al sicuro".

1.227 CONDIVISIONI
Coronavirus, stop anche alle serie tv americane da Grey's Anatomy a The Morning Show
Coronavirus, stop anche alle serie tv americane da Grey's Anatomy a The Morning Show
Coronavirus, si fermano Grey's Anatomy e le altre serie tv: bloccate le riprese
Coronavirus, si fermano Grey's Anatomy e le altre serie tv: bloccate le riprese
290 di Videonews
Grey's Anatomy: il dottor Alex Karev lascia la serie dopo sedici stagioni
Grey's Anatomy: il dottor Alex Karev lascia la serie dopo sedici stagioni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni