La conferenza stampa di presentazione della quarta serata del Festival di Sanremo 2019 si apre con la consueta analisi degli ascolti da parte della direttrice di Rai1, Teresa De Santis. Gli ascolti sono in calo, ma la direttrice difende la bontà del risultato e il raggiungimento dell'obiettivo: "È il record degli ultimi 22 anni sul target 8-14 anni". Un segno, per la De Santis, che questo Festival è riuscito nel suo goal: "Percepire l'aria dei tempi"La puntata prevista questa sera sarà la più complessa: 24 duetti più il grande ospite, Luciano Ligabue. Claudio Baglioni presenta così la serata: "Sarà fortemente musicale e musicata" e sul Sanremo dei giovani dice: "Felice che sia amato tra i giovanissimi, piccoli spettatori crescono". 

La scaletta della quarta serata

Questo l'ordine della scaletta della quarta puntata del Festival di Sanremo 2019: Federica Carta e Shade e Cristina D'Avena, Motta e Nada, Irama e Noemi, Patty Pravo e Briga e Giovanni Caccamo, Negrita e Enrico Ruggeri e Roy Paci, Il Volo e Alessandro Quarta, Arisa e Tony Hadley, Mahmood e Gue Pequeno, Ghemon e Diodato e Calibro 35, Francesco Renga e Toni Bungaro e Eleonora Abbagnato e Fridman Vogel, Ultimo e Fabrizio Moro, Nek e Neri Marcorè, Boomdabash e Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano, Zen Circus e Brunori Sas, Paola Turci e Beppe Fiorello, Anna Tatangelo e Syria, Ex-Otago e Jack Savoretti, Enrico Nigiotti e Paolo Jannacci e Massimo Ottoni, Loredana Bertè e Irene Grandi, Daniele Silvestri, Rancore e Manuel Agnelli, Einar e Biondo e Sergio Sylvestre, Simone Cristicchi e Ermal Meta, Nino D'Angelo e Livio Cori e Sottotono, Achille Lauro e Morgan.

Le parole di Claudio Baglioni

Sarà la serata in cui il dirottamento sarà completo, secondo Claudio Baglioni. Una serata complessa, fortemente musicata, "un dirottamento che prosegue con l'affetto del pubblico giovane". Una serata che oltre ai 24 duetti preveda anche l'omaggio di Baglioni e Ligabue a Francesco Guccini.

La serata sarà fortemente musicata e musicale con l'intervento di nuovi musicisti ed esponenti di arti e discipline artistiche. Penso sia la serata più sorprendente in termini di ritmo, dinamicità e livello musicale. Non ci sono solo duetti, ma anche collaborazione e performance che risulteranno essere singolari. Sono soddisfatto della squadra. […] Abbiamo fatto buona legna, speriamo di aver fatto anche buona sostanza. Felice che sia amato tra i giovanissimi, piccoli spettatori crescono.

E sul suo futuro: "La trattativa per un terzo Festival? Non so nulla, ma rimando qualsiasi discussione alla fine di questa edizione. Ogni viaggio va terminato, poi si riparte. Mi piacerebbe fare ancora tv, però ho un tour da fare l'anno prossimo". 

Le parole di Teresa De Santis sul futuro

"Claudio è un grande musicista ed è giusto che lui possa voler lavorare di nuovo, per me è una grande risorsa televisiva". Teresa De Santis replica così subito dopo le parole di Baglioni su un terzo Sanremo: "L'ho visto lavorare con attenzione, con perfezionismo e incisività. È una presenza straordinaria alla quale la tv italiana e Rai1 non può rinunciare". E aggiunge: "Bisognerà vedere cosa farà alla fine del Festival. Bisogna vedere lui cosa vorrà fare, alla fine di questo Festival, ci siederemo e ne parleremo. Sarà lui a decidere". 

L'analisi degli ascolti

Teresa De Santis ritorna sugli ascolti tv riprendendo lo share "in linea con la seconda serata e registra un aumento molto forte del numero delle persone". Loro sono felici così: "È il record degli ultimi 22 anni sul target 8-14 anni. […] Il risultato di questo Festival, quello di percepire l'aria dei tempi, è buono. Quello di intercettare certi cambiamenti, far interagire mondi diversi tra loro, è un obiettivo raggiunto". Ma quanto possono incidere sulla pubblicità gli ascolti, chiedono: "Non abbiamo alcun tipo di problema, gli ascolti sono in linea".