È dedicata a Caterina II di Russia la nuova serie di Sky intitolata ​Caterina la Grande​ che vede calarsi nei panni di una delle più potenti monarche di tutti i tempi l’attrice premio Oscar Helen Mirren, ormai avvezza ad indossare costumi d’epoca e ad interpretare personaggi femminili che hanno fatto la storia grazie alla loro determinazione e al fascino senza tempo, proprio come accaduto nel film ​The Queen – La Regina.​ Con queste premesse quindi non si possono che avere grandi aspettative per questa serie in 4 puntate, nata da una collaborazione tra Sky e HBO, che andrà in onda su Sky da venerdì 1 novembre alle 21.15 (e dallo stesso giorno tutti gli episodi saranno disponibili on demand).

Caterina la Grande, una storia d’amore e di potere

Caterina la Grande è una donna forte e di potere. Da un lato, la Caterina più istituzionale e ufficiale dimostra tutto il suo carattere rifiutandosi di modellare sé stessa o i suoi desideri per adattarsi ai canoni femminili più tradizionali, assumendo invece il ruolo di una monarca di potere nonché di una politicante tenace che lotta per dare alla Russia un posto di rilievo all’interno della geografia mondiale. Per raggiungere i suoi scopi la donna è disposta a tutto (o quasi), non disdegnando intrighi e sotterfugi, e creandosi così non pochi nemici che, con il tempo, cercano di spodestarla dal suo ruolo di monarca. Dall’altra parte c’è la Caterina più privata e forse sconosciuta che, smessi i panni della condottiera che lotta e combatte in nome di un intero popolo, indossa quelli ben più romantici di una donna devota all’amore e alle passioni travolgenti, intraprendendo una relazione con il generale russo Grigory Potemkin, insieme al quale getta le basi per rivoluzionare la politica della nazione e rendere grande la Russia del XVIII secolo.

Il cast epico di ​Caterina la Grande

L’attrice Helen Mirren, che ha vinto il premio Oscar nel 2007 come ‘miglior attrice protagonista’ grazie al ruolo di Elisabetta II nel film The Queen – La Regina (e ammirata in pellicole come Inkheart – La Leggenda di Cuore d’Inchiostro e ​Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni​), è sicuramente la punta di diamante dell’intera serie televisiva che vede tra i suoi protagonisti all’interno del cast Jason Clarke (visto in ​Twilight,​ ​Zero Dark Thirty e ​Il Grande Gatsby​) che interpreta l’amante della monarca russa, ovvero Grigory Potemkin; Rory Kinnear (nei film di James Bond ​Quantum of Solace e ​Skyfall)​ nel ruolo del Ministro degli Esteri Nikita Ivanovič Panin; Gina McKee (​Notting Hill e​ ​Giovanna d’Arco​) che dà vita alla Contessa Praskovya Bruce, amica d’infanzia e confidente di Caterina II; Kevin McNally (​La Maledizione Della Prima Luna e ​Pirati Dei Caraibi​) che interpreta lo statista russo e ministro della guerra Alexei Orlov, Richard Roxburgh (​Moulin Rouge!,​ ​La Leggenda Degli Uomini Straordinari​) nei panni di Grigory Orlov, ex amante di Caterina che all’epoca della loro relazione ha organizzato il colpo di Stato che ha permesso alla donna di salire al potere dando così vita al suo impero; Joseph Quinn (​Game Of Thrones e ​Les Misérables​) nel ruolo del figlio di Caterina II, ovvero il Principe Paolo di Russia.

La trama di ​Caterina la Grande

Nonostante sia una delle figure storiche femminili più iconiche di sempre, Caterina la Grande è stata raramente raffigurata sullo schermo, mantenendo così intatta l’aura di mistero e fascino intorno al suo personaggio che, nonostante gli anni, appare ancora molto moderno ed attuale grazie alla sua forte determinazione e alla voglia di non lasciarsi catalogare con etichette che ne avrebbero costretto la personalità (esuberante e battagliera) e i cui affari e l’abilità nella macchinazione politica sono diventati leggenda in tutto il mondo. La serie è un sontuoso dramma televisivo che racconta gli ultimi anni dell’imperatrice russa Caterina II, che si è fatta strada tra una politica caratterizzata da scandali, intrighi e conflitti, e un amore ossessivo e totalizzante con il leader militare russo, statista e comandante Grigory Potemkin. Incapaci di sposarsi pubblicamente e notoriamente promiscui, i due sviluppano una relazione unica e devota, superando i loro avversari, rivendicando la Crimea e dando forma (e riforme) alla Russia, trasformandola nel paese che conosciamo tutti oggi. Il dominio di Caterina II ha inizio nel 1762, a seguito di un colpo di stato che lei stessa architetta ai danni del marito, lo zar Pietro III, regnando poi fino al 1796. L’adattamento televisivo di Sky segue proprio gli ultimi anni della vita dell’imperatrice russa che, nella serie televisiva, durante un confronto con l’amante Potemkin, recita l’emblematica frase (che sembra descriverla appieno): “Sono sopravvissuta in un mondo che non mi vuole. Sarebbe un terribile errore andare contro di me”.