27 Gennaio 2016
13:45

Capodanno in anticipo a “L’anno che verrà”, la Rai caccia il dirigente responsabile

Antonio Azzalini, stando alle indiscrezioni delle ultime ore, verrà licenziato dalla Rai. Due settimane fa aveva ammesso che la tecnica di anticipare i tempi fosse una sorta di prassi consolidata nell’azienda. Il licenziamento vuole segnare il nuovo corso: non pagano più solo i pesci piccoli e la Rai non insegue gli ascolti.
A cura di Andrea Parrella

Il dado è tratto e la Rai ha deciso di chiuderla così, con un licenziamento piuttosto eclatante che vuole essere un segnale per situazioni future di questo tipo. L'affaire Capodanno in anticipo ha portato alla decisione dell'azienda del servizio pubblico televisivo di reagire nella maniera più dura e rigorosa nei confronti di quello che è stato appurato fosse stato un escamotage acchiappa-ascolti. La storia oramai la conoscono tutti, in occasione della trasmissione "L'anno che verrà" Rai 1 aveva festeggiato il capodanno insieme ai telespettatori della trasmissione con un minuto circa di anticipo rispetto alla concorrenza (e soprattutto rispetto agli orologi di buona parte degli italiani). Nei giorni successivi la polemica si amplifica, fino a portare il nuovo ad Campo dall'Orto a ordinare un'inchiesta interna per capire le motivazioni di quanto accaduto.

Nella lettera di risposta alle spiegazioni richieste dalla Rai emergeva, due settimane fa circa, che il capostruttura della trasmissione, Antonio Azzalini, non solo avesse ammesso tacitamente di aver scelto consapevolmente di festeggiare il capodanno con un minuto d'anticipo, ma soprattutto che si trattasse sostanzialmente di una prassi, messa in atto anche in altre occasioni precedenti, non solo per quanto riguardava il capodanno, ma anche altre trasmissione come Affari Tuoi. Stando a quanto riporta Il Messaggero questa mattina "La decisione è stata presa ieri pomeriggio anche se (salvo improbabili sorprese, vista la lunga istruttoria che l'ha preceduta) dovrebbe essere formalizzata oggi: Antonio Azzalini, il capostruttura di Raiuno riconosciuto responsabile da un'inchiesta interna di aver volutamente anticipato il countdown di Capodanno per battere la concorrenza e fare più audience, licenziato dalla Rai. Una decisione voluta direttamente da Antonio Campo Dall'Orto". Un segnale chiaro quello della Rai, che non intende continuare ad inseguire gli ascolti a tutti i costi. Una sanzione che sta a marcare, spiegano ai piani alti della Rai, proprio il nuovo corso voluto da Campo Dall'Orto, ovvero che non sono solo i pesci piccoli a pagare. A proposito di pesci piccoli, quale destino sarà riservato al dipendente sospeso per la questione della bestemmia comparsa in sovrimpressione quella stessa sera?

A L'anno che verrà va in onda una bestemmia, Rai: "Il responsabile è stato sospeso"
A L'anno che verrà va in onda una bestemmia, Rai: "Il responsabile è stato sospeso"
Il responsabile Rai del countdown anticipato: "A Capodanno si è sempre fatto così"
Il responsabile Rai del countdown anticipato: "A Capodanno si è sempre fatto così"
Su Rai 1 il 2016 arriva un minuto prima, imbarazzo a L'Anno che Verrà
Su Rai 1 il 2016 arriva un minuto prima, imbarazzo a L'Anno che Verrà
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni