È stata una delle serie più amate dell'anno, che su Netflix è stata vista da milioni di utenti, ma gli appassionati del genere fantasy conoscevano The Witcher anche per i libri e i videogame che anni addietro avevano già fidelizzato un certo pubblico. L'arrivo della serie televisiva è stato il passo decisivo per consacrare la saga tra quelle più seguite di sempre e l'arrivo di un prequel non fa che rispondere alla domanda di incrementare il repertorio di storie offerte finora agli spettatori. La nota piattaforma streaming ha annunciato, quindi, l'arrivo di "The Witcher: Blood Origin" le cui riprese avverranno in Gran Bretagna.

Di cosa parlerà il prequel

Il prequel sarà ambientato ben 1200 anni prima rispetto alla serie già disponibile su Netflix. Per essere precisi, la serie divisa in sei parti sarà ambientata in un mondo abitato da elfi, nel quale si assisterà alla nascita del primo Witcher, da intendersi come quelle creature che sono state create per combattere i demoni e i loro simili, venuti a popolari il mondo dopo la "congiunzione delle sfere". Blood Origin, quindi, racconterà anche quegli eventi tramite i quali si è arrivati alla congiunzione dei tre mondi: quello degli umani, quello degli elfi e infine quello dei demoni; così come li abbiamo visti già raccontati nella prima stagione della serie.

La seconda stagione è in lavorazione

Ad occuparsi del progetto sarà per quanto riguarda la produzione esecutiva la Schmidt Hissrich, insieme a Declar de Barra, che sarà anche showrunner, che dopo aver letto i libri di The Witcher ha dichiarato: "Sono sempre stato affascinato dall'ascesa e dalla caduta delle civiltà, dal modo in cui scienza, nuove scoperte e cultura siano fiorite proprio prima di quella caduta. The Witcher: Blood Origin racconterà la storia della civiltà elfica prima della sua caduta e, soprattutto, rivelerà la storia dimenticata del primissimo ‘witcher'". Intanto i lavori sugli spin-off non finiscono qui, dal momento che era già in cantiere una seconda stagione, che sarà disponibile non prima del 2021 su Netflix.