192 CONDIVISIONI
16 Settembre 2011
17:42

Serena Dandini fuori dalla Rai con un contratto a progetto

Nel corso della conferenza stampa tenutasi per la chiusura di Parla con me, Serena Dandini rivela i retroscena del contratto a progetto che la legava alla Rai, l’azienda a cui lascia non solo il programma ma anche i suoi abiti neri.
A cura di laura tortora
192 CONDIVISIONI
cancellazione parla con me

Avuta la conferma che Parla con me non si farà, dopo la bocciatura del CdA di Viale Mazzini con 5 voti contrari e 4 a favore del programma, Serena Dandini ha indetto una conferenza stampa per chiarire, punto per punto, tutte le falsità e le diffamazioni e sfatare le diverse “leggende metropolitane” che in questi giorni si sono diffuse sulla vicenda.

“Visto che ho regalato alla Rai il format ideato da me, potrei almeno riavere il divano?”
Serena Dandini
Al fianco di  Domenico Procacci, numero uno della Fandango, e Andrea Salerno, direttore editoriale della casa di produzione, la conduttrice si è presentata all'appuntamento con una mini Serena Dandini seduta su un divano rosso in miniatura, in pratica l’idea attorno cui si è in seguito sviluppato Parla con me, il format da lei inventato e il divano da lei richiesto nei commenti a caldo alla notizia della chiusura del programma.

"Al direttore generale Lorenza Lei avevo creduto" ma dopo mesi di false speranze e inutili pretesti accampati dalla dirigenza Rai per non far iniziare il programma, come l’eccessivo numero di autori (quattordici) o i costi del contratto con la Fandango, Serena Dandini ha finalmente potuto rivelare la verità, ma prima di tutto esprimere una profonda amarezza per non poter presentare il suo programma su un'altra rete.

All’indomani della bocciatura di Parla con me la conduttrice tiene a ribadire la sua assoluta libertà rispetto alla rete, dimostrata anche dal contratto a progetto che la legava alla Rai:

Cacciare Serena Dandini dalla Rai non costa nulla perchè per mia policy personale non mai ho voluto mai un contratto in esclusiva con la Rai nè annuale, nè biennale, nè triennale, nè ho mai voluto cariche dirigenziali all'interno anche quando mi sono state proposte. Ho scelto di essere libera e sono sempre stata pagata – bene, ultimamente – ma a progetto, quindi non ho tredicesime, quattordicesime e liquidazioni. Esco dalla Rai senza neanche un paio di calze.

In Rai Serena Dandini lascia anche un baule pieno dei suoi abiti, gli LBD (Little Black Dress), oltre che il suo Parla con me, nato da una sua idea anche se a Viale Mazzini hanno sempre dichiarato di possederne i diritti al 100%.

http://www.youtube.com/watch?v=Im1YlLcXmvo&feature=player_embedded#

Chiuso il capitolo Rai, la conduttrice è pronta a girar pagina e, accantonata “per tigna” l'ipotesi di concedersi un anno sabbatico, Serena Dandini scalpita per andare in onda, anche se non sa ancora dove; tra le ipotesi avanzate La 7, Sky, ma anche le piazze e i cinema d'Italia, perchè nulla è escluso pur di ritornare e ritrovare il pubblico che da sempre le ha dimostrato un grande affetto.

I commenti di Santoro, Floris e Annunziata

Vicini le sono stati anche molti colleghi che hanno espresso solidarietà per la sua vicenda, primo tra tutti Michele Santoro, presente con Sandro Ruotolo alla conferenza stampa più in veste di amico che di collega. Santoro ha offerto a Serena Dandini  ogni sostegno e aiuto "anche a fare il trasloco", ma ha concluso le sue dichiarazioni sulla vicenda con una stoccata che lascerà il segno: "Quando non si riesce a usare la parola censura, vuol dire che anche la parola censura è censurata", riferendosi alla “curiosa” coincidenza per cui durante la conferenza Dandini e la sua squadra non hanno mai risposto “si” ai giornalisti che chiedevano se la chiusura del programma fosse un caso di censura.

conferenza chiusura Parla con me

Sulla vicenda fanno riflettere i commenti di Lucia Annunziata e Giovanni Floris, tra i giornalisti rimasti a Raitre dopo l’ondata migratoria verso altri lidi. “Un'altra perdita grave per Raitre. C'è la sensazione che si smonti a pezzi una rete del servizio pubblico, tra l'altro in condizioni in cui il mercato concorrente si è fatto molto aggressivo” ha commentato il conduttore di Ballarò che ha poi aggiunto “ha ragione il presidente Garimberti: è una decisione che sembra ispirata da logiche estranee agli interessi della azienda ed alle strategie di mercato”.

Sulla stessa linea il commento ai microfoni di Radio24 di Lucia Annunziata, giornalista di In 1/2 ora: "Uno comincia a dubitare che abbia un senso stare in Rai. Io sarò l'ultima ad abbandonare il servizio pubblico, ma si pone il problema. Il rischio è di fare la foglia di fico di un'operazione di smantellamento”.

192 CONDIVISIONI
Serena Dandini su Parla con me:
Serena Dandini su Parla con me: "Non c'è volontà di fare il programma"
La Rai conferma Serena Dandini con Parla con me
La Rai conferma Serena Dandini con Parla con me
Aldo Grasso accusa la Dandini di essere stata raccomandata in Rai
Aldo Grasso accusa la Dandini di essere stata raccomandata in Rai
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni