356 CONDIVISIONI

Santoro ad Annozero: sono ancora a disposizione della Rai

“Garimberti decidesse se vuole o no Annozero: non ho firmato per nessun editore, sono un giornalista Rai”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Marianna D Onghia
356 CONDIVISIONI
santoro_michele

Nell‘ultima puntata di Annozero, Michele Santoro ha dato vita ad un lungo monologo ( 11 minuti interamente occupati dal conduttore) con schema circolare: è partito dal rivolgersi a Garimberti, presidente della tv pubblica, ed ha concluso con una domanda esplicita, sempre rivolta al vertice Rai. Santoro ha voluto raccontare la storia di coloro che, in passato, si vantavano di lavorare per la tv pubblica: addetti alle luci, macchinisti, tecnici di studio e chi più ne ha più ne metta, tutti a servizio della Rai migliore.

Dopo la telefonata di Celentano alla Rai, il cantante ha espresso il suo apprezzamento per i collaboratori di Annozero, tra cui un uomo degli appalti (quindi dipendente saltuario dell'azienda), anch'egli fiero di lavorare per la Rai: "anche Celentano è la Rai, ma c'è qualcuno che gli impedisce di fare un programma per la rete, da 5 anni", con chiari riferimenti ai vertici aziendali del periodo menzionato. Questa lunga introduzione arriva al punto: Santoro ci tiene a sottolineare di essere un giornalista Rai, di aver conquistato la sua posizione con la dignità del suo lavoro e di aver fatto tesoro dei sacrifici del padre, macchinista delle ferrovie, che gli ha assicurato le basi per il suo futuro.

Quel futuro è ora il suo presente e Annozero è l'orgoglio suo e delle casse Rai, rimpinguate dai consistenti contributi degli sponsor del programma: quegli stessi soldi, però, sono stati utilizzati per la lotta giudiziaria a Santoro, che per la tv pubblica è andato avanti solo grazie alla vittoria del ricorso contro la Rai. Il rapporto tra Santoro e tv pubblica, ha visto il conduttore bersaglio dapprima di circolari e richiami,interni alla rete, e per ultimo quello dell'Agcom, politicizzato per Santoro, il che rappresenta una vergogna per il conduttore.

.

“ Anche da domani, per un solo euro a puntata la stagione prossima ”
Michele Santoro
Ora che il patto firmato tra il conduttore e l'azienda sancisce la fine di questa battaglia, nelle aule di tribunale, Santoro ci tiene a dire al suo pubblico, che una clausola del contratto prevede che il conduttore di Annozero può ancora collaborare con la Rai. Santoro vuole chiarezza, vuole sapere, in maniera definitiva, se potrà proseguire con il suo programma e rivela di non aver firmato con nessun altro editore: "Anche da domani, per un solo euro a puntata la stagione prossima: basta che Garimberti e i vertici dell'azienda decidano se vogliono o no Annozero".

Le parole del conduttore nascondono una dichiarazione di amore e fedeltà al servizio della Rai e qualora la sua collaborazione, ormai trentennale, con la tv pubblica finisca qua, una cosa lo rincuora" L'anno zero è finito in Italia", a voler dire che il popolo ha smesso di guardare ed ha dato il via ad un nuovo inizio.

356 CONDIVISIONI
Annozero vince il ricorso contro la Rai: Santoro batte Masi
Annozero vince il ricorso contro la Rai: Santoro batte Masi
Annozero, Santoro: per Masi siamo come un film porno, video
Annozero, Santoro: per Masi siamo come un film porno, video
Santoro non rinuncia ad Annozero: o alla Rai o sul web
Santoro non rinuncia ad Annozero: o alla Rai o sul web
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni