Festival di Sanremo 2020
4 Febbraio 2020
19:08

Rula Jebreal sul contraddittorio a Sanremo 2020: “Significherebbe portare uno stupratore sul palco”

A poche ore dal debutto a Sanremo, Rula Jebreal risponde all’ultima polemica scatenata da chi si auspicava un contraddittorio al monologo contro la violenza sulle donne che la giornalista porterà sul palco dell’Ariston. “Contraddittorio? Significherebbe portare uno stupratore sul palco” è la risposta di Jebreal, l’unica possibile.
A cura di Stefania Rocco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2020

Un contraddittorio al monologo di Rula Jebreal contro la violenza sulle donne a Sanremo2020. L’ultima polemica nonsense che ha travolto la giornalista trova risposta a poche ore dal fischio di inizio del Festival. Conversando con i giornalisti al bar dell’Ariston, Jebreal ha fornito l’unica risposta possibile: “Un contraddittorio per la violenza contro le donne? È una questione logica: significherebbe portare uno stupratore sul palco, un uomo che ha ammazzato una donna. Non credo che vorremmo vedere una cosa del genere”. Una questione logica, sottolinea, rifacendosi all’impossibilità di pensare a un contraddittorio possibile per un tema che non sposa partiti o correnti di pensiero politiche.

Il monologo di Rula Jebreal a Sanremo

Jebreal salirà sul palco dell’Ariston durante la prima serata del 4 febbraio con un monologo contro la violenza sulle donne. “In Italia sono state stuprate sei donne in una settimana: è un'emergenza che riguarda tutto il Paese. È giusto occuparsi del coronavirus, ma dell'emergenze femminicidio dovremmo parlare tutti i giorni, non è una questione marginale” sottolinea la giornalista rifacendosi al tema del suo intervento. Una partecipazione voluta dal conduttore e direttore artistico Amadeus che ha scatenato una valanga di polemiche, non solo di stampo politico. Jebreal ha parlato della violenza sulle donne come di “un’emergenza nazionale, ma anche internazionale. Molte donne vengono messe in prigione solo perché chiedono il diritto al voto in Arabia Saudita. È un tema apartitico, culturale, importante”.

Rula Jebreal donerà metà del suo compenso

La giornalista, che da anni si batte per i diritti umani, ha fatto sapere che donerà metà del cachet concordato per la partecipazione a Sanremo2020 a Nadia Murad, attivista irachena che nel 2014, a 21 anni, fu rapita e stuprata dall’Isis. Presa in ostaggio a Mosul dai militanti dello Stato Islamico, che uccisero 6 dei suoi fratelli, Nadia riuscì a fuggire prima in Iraq e poi in Germania. Nel 2018 ha ricevuto il Premio Nobel per la pace.

705 contenuti su questa storia
Area Sanremo 2020, annunciati gli otto vincitori: solo due parteciperanno al Festival
Area Sanremo 2020, annunciati gli otto vincitori: solo due parteciperanno al Festival
A sei mesi da Sanremo 2020 ecco quali sono canzoni e cantanti più ascoltati
A sei mesi da Sanremo 2020 ecco quali sono canzoni e cantanti più ascoltati
Chi è il maestro Enzo Campagnoli, che ha ballato con Elettra Lamborghini a Sanremo
Chi è il maestro Enzo Campagnoli, che ha ballato con Elettra Lamborghini a Sanremo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni