Tantissimi sono i personaggi del mondo dello spettacolo, della rete e della televisione che in questi giorni di emergenza Coronavirus stanno rivolgendo appelli alla popolazione affinché restino nelle loro abitazioni e riducano al minimo gli spostamenti. Tra loro arriva anche il contributo di Renzo Arbore che in un video si rivolge specialmente alle persone anziane, per i quali, com'è noto, gli effetti del contagio sono potenzialmente più pericolosi. Curiosamente, Arbore li invita ad approfittare della reclusione forzata per scoprire il mondo di Internet.

Adesso c'è veramente la bandiera gialla. A tutti i "maggiori degli anni '60": rimanete in casa e fate rimanere in casa i vostri famigliari.  Potete guardare la televisione, sentire la Rai, leggere un libro e soprattutto scoprire Internet. Approfittatene! Fatevelo spiegare dai vostri nipoti, casomai anche pagandoli un po'! Con Internet scoprite le vostre canzoni, i vostri idoli del passato e del presente. Scoprite la rete, il web.

Il riferimento allo show Bandiera gialla

Nel suo filmato Arbore fa riferimento a Bandiera gialla, lo storico programma radiofonico da lui condotto insieme a Gianni Boncompagni, dal 1965 al 1970 sul Secondo Programma Rai. Fu Luciano Rispoli a ideare il nome dello show, collegando i suoi contenuti, vale a dire la musica angloamericana che fino ad allora era quasi bandita dalle nostre radio, al simbolo della quarantena per epidemia. Nel 1966 uscì anche la canzone dello stesso titolo, celebre cover di Gianni Pettenati del brano "The Pied Piper".

L'appello dei vip italiani con l'hashtag #iorestoacasa

Tra i personaggi dello showbiz italiano che stanno lanciando l'hashtag #iorestoacasa chiedendo alla popolazione di non uscire, ci sono Fiorello, Amadeus, Gigi D'Alessio, Fiorella Mannoia, Emma, Annalisa, Fabio De Luigi, Alessia Marcuzzi, Francesco Facchinetti, Ficarra e Picone, Claudio Baglioni, Antonella Clerici, Gabriele Muccino, Giuliano Sangiorgi. Parallelamente, l'emergenza sta scombinando anche i palinsesti televisivi, con numerosi speciali dedicati all'argomento e diversi programmi, da I soliti ignoti allo show di Bruno Vespa Porta a Porta, costretti alla sospensione.