La prima de La Scala di Milano è stato da sempre un evento che ha richiamato l'attenzione non solo degli appassionati di lirica, ma anche di volti noti tanto dello spettacolo, quanto della politica, della cosiddetta classe dirigente italiana. Da qualche anno, però, la Rai, in pieno allineamento con il suo ruolo di televisione di Stato, trasmette questo evento di grande importanza culturale. Come di consueto, il 7 dicembre, il più noto teatro milanese apre le sue porte alle telecamere e porta sul piccolo schermo tre ore di arte, presa in ogni sua sfaccettatura.

Quest'anno, ad aprire la stagione lirica de La Scala è una delle opere più amate: La Tosca, di Giacomo Puccini. In onda su Rai1, RaiPlay e Radio3, fatta eccezione per la trasmissione radiofonica, ad accompagnare l'intera narrazione è stato Francesco Montanari. L'attore romano ha condotto per mano il pubblico da casa attraverso le zone in cui è ambientata l'opera del noto compositore lucchese. Un racconto cadenzato, intenso ed emozionante che ha permesso agli spettatori di vivere l'opera da un'altro punto di vista, non più solo la suggestione musicale e visiva del teatro e degli interpreti, ma anche la visione storica, architettonica ed imponente della Roma ottocentesca. La voce di Francesco Montanari sviscera i segreti dell'opera, esalta l'amore e la tragedia di questo grande spartito ed intreccio operistico che è diventato un patrimonio mondiale.

Francesco Montanari da I Medici a Il Cacciatore 2

Francesco Montanari, non a caso, è uno degli attori più apprezzati, non solo in ambito televisivo e cinematografico, ma anche teatrale, come dimostra il successo del suo Zio Vanja interpretato insieme ad un altro grande attore, nonché suo compagno nella serie tv Romanzo Criminale, ovvero Vinicio Marchioni. Attualmente è uno dei protagonisti, nel ruolo di Girolamo Savonarola, della terza stagione de I Medici, in onda da inizio dicembre su Rai1. I progetti televisivi per il 35enne non sono ancora finiti, infatti, molto presto lo vedremo nel secondo capitolo della fiction "Il Cacciatore", con la quale ha ottenuto diversi riconoscimenti importanti come il Premio Flaiano per la miglior interpretazione maschile e a Cannes durante il Festival internazionale delle serie tv ha ottenuto il premio come miglior attore protagonista.