1.647 CONDIVISIONI
29 Ottobre 2019
18:19

Piero Angela: “I social sono solo pettegolezzi, così Internet non serve a niente”

Una bella lezione da parte del conduttore e divulgatore televisivo, che in occasione dei 50 anni dal primo collegamento Internet ha detto la sua sul web e sui social network: “Non li uso, non chatto. La rete ha molti aspetti negativi, ma potrebbe essere uno strumento straordinario per far crescere il nostro Paese”.
A cura di Valeria Morini
1.647 CONDIVISIONI

L'importanza di Internet spiegata da Piero Angela, 90 anni compiuti (ne farà 91 il prossimo 22 dicembre) e una lucidità più moderna e brillante, in merito alla nuove tecnologie, di tanti 20-30enni. Intervenuto all'evento #internet50 organizzato dal Consiglio nazionale delle ricerche per festeggiare il primo collegamento internet (avvenuto negli Stati Uniti il 29 ottobre 1969), il conduttore e divulgatore è stato intervistato da Rai News e ha detto la sua opinione in merito al web e ai social. Che, a suo dire, "sono solo pettegolezzi". Ma guai a non capire l'enorme potenziale della rete.

Internet come strumento per far crescere l'Italia

Da quel lontano 1969 (che è anche l'anno del primo allunaggio, su cui Angela e il figlio Alberto hanno regalato uno speciale tv) "Il mondo è cambiato e siamo cambiati noi", dice Angela, "ma Internet potrebbe essere uno strumento straordinario. Se uno va a vedere solo i social, che sono soltanto pettegolezzi, Internet non serve a niente. Il meccanismo stesso della pubblicità, che paga quelli che lavorano per Internet, fa sì che, come per le televisioni, si arrivi a uno "spezzatino" che non è quello più desiderabile. Bisognerebbe inventarsi qualcosa, perché Internet potrebbe essere uno strumento per far crescere il nostro Paese che è molto in ritardo su queste nuove tecnologie".

Perché Piero Angela non usa i social

"Internet è nata senza che la gente se ne accorgesse, come l'elettricità". E spesso viene usata in modo sbagliato. Angela ammette di utilizzare poco il web: "In realtà io frequento poco Internet, non ho i social, non chatto. Navigo su un'altra tastiera che è quella del pianoforte, che mi interessa molto di più. C'è una pagina Facebook dedicata a me, "Piero Angela noi ti obbediamo"? Non leggo quello che scrivono, ho un po' paura". La rete, in compenso, avvicina la sua televisione divulgativa al pubblico più giovane:

Ci sono tanti giovani che vedono non tanto me quanto Superquark come un aggancio importante per il loro tempo, per capire meglio certe cose. La televisione la vedono i vecchi, ma anche i giovani perché molti programmi vanno anche su Internet. Mi hanno detto che c'è un cartone animato di Bruno Bozzetto che avevamo fatto insieme, "Quanti sono i nostri antenati?", che ha 3 milioni di visualizzazioni.

E sembra che, in tempi in cui la Rai punta sul digitale e sullo streaming, anche i programmi di Piero Angela vivranno in modo significativo su Internet. Ne sapremo qualcosa di più prossimamente: "C'è un progetto per andare sulla rete. Con tutte le contraddizioni di questo mezzo, che ha aspetti positivi, ma molti negativi".

1.647 CONDIVISIONI
Non solo Fiorello, anche Piero Angela sarà un volto di RaiPlay
Non solo Fiorello, anche Piero Angela sarà un volto di RaiPlay
Incidente Piero Angela, la portavoce: “Non è ricoverato, ha una contusione all’avambraccio”
Incidente Piero Angela, la portavoce: “Non è ricoverato, ha una contusione all’avambraccio”
Piero Angela: "Le coppie omosessuali sono proprio come quelle etero"
Piero Angela: "Le coppie omosessuali sono proprio come quelle etero"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni