Molti ricorderanno la quarta puntata di Amici Celebrities perché nel corso della trasmissione, il concorrente della squadra bianca, Filippo Bisciglia, durante la sua esibizione è stato sopraffatto dall'emozione nel pensare alla madre. Adesso è proprio lei a spiegare il motivo di questa improvvisa reazione.

Filippo Bisciglia si commuove pensando alla madre

Intento a cantare il brano di Luca Barbarossa "Portami a ballare", il volto di Temptation Island si è sciolto in un pianto improvviso, che non gli ha permesso di continuare la sua esibizione. Scusandosi con il pubblico Filippo Bisciglia ha rivelato di essersi commosso pensando alla madre e al periodo difficile che, non troppo tempo fa, ha dovuto affrontare. Il conduttore romano ha preferito non scendere nei dettagli, a raccontare l'intera vicenda è stata sua madre, Elisabetta, in una intervista rilasciata al settimanale Dipiù Tv.

Il racconto della madre

La donna ha dichiarato di aver dovuto affrontare un tumore, durante il periodo della malattia i suoi figli, Filippo e la sorella, le sono stati sempre accanto, supportandola e combattendo con lei questa battaglia dolorosa che, secondo quanto rivelata la madre di Bisciglia, sembra essersi conclusa nel migliore dei modi:

Sono stata molto male, per un periodo ho affrontato un tumore e Filippo è sempre stato accanto a me, in silenzio, con quel suo modo di fare così dolce. Per me è stata dura più che altro perché non volevo preoccuparlo. Queste cose, quando capitano, non sono mai facili.Come ha detto mio figlio in tv, ho vinto la mia battaglia contro la malattia e posso dire che sto bene. Ma continuo a fare controlli, non abbasso mai la guardia. E del resto non bisogna mai farlo. Mio figlio Filippo, come l’altra mia figlia, non mi molla neanche un secondo. Sono una mamma molto fortunata, la nostra è una famiglia molto unita.

La malattia di Filippo Bisciglia da bambino

Non è stato facile, quindi, per una famiglia così legata dover affrontare un momento così intenso ed incerto. Il rapporto tra l'ex gieffino e la madre è strettissimo, un rapporto segnato da esperienze non facili che hanno superato l'uno accanto all'altra. Durante la sua infanzia, infatti, Filippo Bisciglia ha dovuto fare i conti con una patologia piuttosto rara e invalidante per un bambino, la sindrome di Perthes, che non gli ha permesso di camminare per i primi due anni della sua vita, come è lei stessa a ricordare: "Abbiamo condiviso il dolore e il testo di Portami a ballare mi fa pensare anche al momento in cui lui ha cominciato a camminare, a ballare. E io dietro a lui, felice di vederlo aggredire il mondo".